L’EMERGENZA COVID

Coronavirus, via libera dell’Aifa al vaccino Moderna. Prime dosi già la prossima settimana

Nei prossimi tre mesi, giungeranno in Italia 1,3 milioni di dosi Moderna, con cadenza settimanale: 100mila a gennaio, 600mila a febbraio e 600mila a marzo

Covid: via libera al vaccino Moderna, presto in Italia

1' di lettura

Via libera dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa), dopo quella dell’Ema e della Commissione europea, al vaccino anti-Covid dell'azienda americana Moderna, per l'autorizzazione all'immissione in commercio e all'utilizzo nell'ambito del Servizio sanitario nazionale. È il secondo in Italia dopo quello Pfizer-BionTech.

Nei prossimi tre mesi in Italia 1,3 milioni di dosi

Già dalla prossima settimana è previsto l'arrivo in Italia delle prime dosi, della cui distribuzione si occuperanno i militari: il piano della Difesa prevede lo stoccaggio nell'hub nazionale di Pratica di Mare e il trasporto nei vari centri di somministrazione con i mezzi militari. Complessivamente, nei prossimi tre mesi, giungeranno in Italia 1,3 milioni di dosi Moderna, con cadenza settimanale: 100mila a gennaio, 600mila a febbraio e 600mila a marzo.

Loading...

Le caratteristiche

Il farmaco è utilizzabile a partire dai 18 anni di età e nella sperimentazione su circa 30mila soggetti ha dimostrato un'efficacia del 94,1%, Utilizza l'innovativa tecnologia dell'Rna-messaggero, come quello Pfizer, e richiede una doppia dose. Il vaccino rimane stabile a temperature standard di refrigerazione tra 2 e 8 gradi C per 30 giorni. Inoltre si prevedono condizioni di trasporto e conservazione a lungo termine a temperature standard del congelatore di -20 gradi C per 6 mesi.

Vaccino potrebbe protegge fino a 2 anni

Secondo l'amministratore delegato dell'azienda produttrice del farmaco Stéphane Bancel, il Moderna dovrebbe proteggere contro il coronavirus fino a due anni. Ha precisato tuttavia che servono altri dati per una valutazione definitiva sulla durata.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti