ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLondon Stock exchange

Corre Londra, utility e servizi festeggiano 'scampata' nazionalizzazione

Segnano rialzi fino a doppia cifra i titoli dei settori che il laburista James Corbyn voleva nazionalizzare . In netto progresso anche le azioni del comparto immobiliare e finanziario. Grazie a queste brillanti performance il listino inglese si porta in pole position in Europa

di Flavia Carletti


default onloading pic
(AFP)

2' di lettura

La Borsa di Londra si allinea con le altre Borse europee e festeggia la vittoria del partito conservatore alle elezioni. Il Ftse100 aveva avviato le contrattazioni in calo, risentendo del forte balzo della sterlina nei confronti su euro, ai massimi da dicembre 2016, e sul dollaro, ai massimi da maggio 2018. Dopo i primi scambi in rosso, l'inversione di rotta e ora l'indice si apprezza quasi del 2%, migliore in Europa. Sono molti i titoli del Ftse100 alla Borsa di Londra che registrano forti progressi. Tra i migliori c'è Persimmon Plc, uno dei principali costruttori del Regno Unito. Secondo il commento di Ig bank, proprio il comparto immobiliare è uno di quelli che più potrà beneficiare della vittoria dei Tories, per la speranza di un ritorno alla crescita economica. Inoltre, con la sconfitta dei Laburisti, tramontano le proposte di politica economica di Jeremy Corbyn, soprattutto quelle in campo fiscale, considerate "punitive" per i ceti più alti. In evidenza anche il settore finanziario, Barclays sale del 7,7% e Lloyds Banking Group del 9,8%, quando Royal Bank of Scotland guadagna l'11%. Con una maggioranza così solida, i Conservatori potranno votare l'accordo raggiunto a ottobre scorso tra Londra e Bruxelles sull'uscita dall'Unione europea e sembra quindi scampato il pericolo sulla hard Brexit e gli investitori quindi si aspettano che le istituzioni finanziarie inglesi continueranno ad avere un accesso al mercato Ue senza interventi eccessivamente onerosi.

"Scampato" pericolo nazionalizzazione per utility e servizi
Inoltre, la netta vittoria dei Conservatori di Boris Johnson allontana lo spettro di possibili nazionalizzazioni nel Regno Unito, per questo molti titoli dei comparti potenzialmente interessati festeggiano sulla piazza finanziaria londinese. Tra i punti del programma del partito laburista guidato da James Corbyn c'era l'intenzione di nazionalizzare alcuni settori, in particolare utility, poste e trasporti. Il risultato del Labour, mai così in basso dalle elezioni del 1935, spazza via ogni possibilità di questo tipo. Tra i titoli a maggiore capitalizzazione della Borsa di Londra festeggiano soprattutto le utility: Centrica +8% (controllante di British Gas), United Utilities +8,13 e Severn Trent +7,25%. In evidenza anche la società di servizi postali Royal Mail (+6,85%), che avrebbe rischiato un ritorno al controllo statale, insieme a Bt Group (+7,5%). Fuori dal segmento principale, festeggia l'utility National Grid (+6,6%) e la società di trasporti ferroviari Stagecoah Group (+13%).

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...