AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùBanche

Corrono Banco Bpm e Bper, febbre M&A accende le banche

Si chiuderà entro giugno l'operazione su Carige, nasce il quarto polo italiano

di Andrea Fontana

(Ansa)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - E' febbre da M&A per le banche italiane con le ultime operazioni in vista ad accendere i titoli in Borsa. Banca Pop Er sale dopo l'accordo con il Fondo interbancario di tutela dei depositi per l'acquisto dell'80% di Carige: confermati i dettagli dell'operazione che prevede un versamento in conto capitale da 530 milioni di euro da parte del Fondo, il pagamento da parte di Bper di un corrispettivo di 1 euro per il pacchetto di controllo e il successivo lancio dell'opa finalizzata al delisting di Carige a 0,80 euro per azione (120 milioni l'esborso previsto), l'acquisto per 5 milioni di euro della parte residua del subordinato Carige in mano allo Schema Volontario.

Piatti in Borsa i titoli Bca Carige. L'operazione sarà chiusa entro giugno per dar modo a Bper di beneficiare delle Dta (circa 320 milioni di euro post effetto fiscale). «Riteniamo che le condizioni poste da Bper sterilizzino i rischi del deal sul fronte patrimoniale e dell`asset quality» scrive Equita Sim convinta che il contributo Fitd e le Dta coprano i costi di ristrutturazione e il Cet1 del nuovo gruppo sarebbe in area 13% con un rapporto tra deteriorati e impieghi inferiore al 5%. Gli analisti di Imi sottolineano che dall'operazione Bper-Carige nasce il quarto gruppo bancario italiano con un incremento del 20% dei clienti e attivi superiori ai 155 miliardi: il deal allontana la possibilità di una aggregazione tra Modena e Banco Bpm, anche se le chance di questa combinazione erano basse per l'opposizione di Unipol e l'interesse di Unicredit per Banco Bpm.

Loading...

Proprio il dossier Unicredit-Banco Bpm torna a scaldarsi e a far correre di un altro 4,2% l'istituto guidato da Giuseppe Castagna. Secondo indiscrezioni di stampa nel cda odierno il ceo di Unicredit Andrea Orcel terrà una informativa sul fatto che i rumors usciti nei giorni scorsi abbiano compromesso il blitz su Banco Bpm con una offerta da 4 euro per azione.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti