retail

Così Festina sostiene il business dei negozi

Supporto ai rivenditori indipendenti che pesano il 75% in Italia: a loro disposizione il sito e-commerce del marchio e webinar con gli esperti

di Paco Guarnaccia

default onloading pic

Supporto ai rivenditori indipendenti che pesano il 75% in Italia: a loro disposizione il sito e-commerce del marchio e webinar con gli esperti


2' di lettura

Grandi novità in casa Festina Group, a cominciare dal lancio di una piattaforma ufficiale per le vendite online. «Si tratta di un progetto corporate partito direttamente dall’ headquarter di Barcellona, e non per iniziativa delle singole filiali, che rafforzerà la brand awarness dei nostri marchi. Non solo per ragioni strettamente commerciali» spiega Paolo Galimberti, direttore generale di Festina Italia, filiale italiana del gruppo con sede in Spagna che ha un portfolio di brand tra i quali Festina, Lotus Silver, Lotus Style, Calypso e Kronaby. «Da sempre ci impegniamo per proteggere il business dei nostri rivenditori, che per noi è una priorità - sottolinea Galimberti -. Lo dimostra il fatto che dai primi di settembre, a fronte di una promozione commerciale, abbiamo messo a loro disposizione un sito e-commerce dove esporre non solo i nostri, ma anche gli orologi di altre aziende. Inoltre, da quando è scoppiata la pandemia li abbiamo aiutati concretamente per intensificare il loro rapporto con i clienti finali organizzando, ad esempio, dei webinar con esperti di orologeria».

Nello specifico il peso dei canali distributivi della filiale italiana pende sempre di più verso i clienti indipendenti (75%) a scapito del format delle grandi catene (25%) «che è in evidente difficoltà. Soprattutto i centri commerciali che soffrono maggiormente le restrizioni anti Covid-19», commenta il manager. Festina Italia aveva chiuso il 2019 con un fatturato poco inferiore ai 15,5 milioni di euro. «Risultato eccellente per una filiale come la nostra, con soli 12 dipendenti – dice Galimberti –. Le previsioni a inizio di quest’anno erano di arrivare a un +6% nei ricavi, ma a causa della pandemia cercheremo di contenere il decremento in modo che l’ebitda sia comunque positivo, cosa che ci aspettiamo succeda a ottobre. Quello che accadrà da novembre in poi, non dipenderà da noi». Questo nonostante le performance del primo trimestre fossero in crescita e quelle del terzo, dopo la riapertura post lockdown, in grande recupero.

Loading...

«Eravamo partiti benissimo, registrando nel primo trimestre un +24% rispetto allo stesso periodo del 2019 e da luglio a settembre i nostri ricavi sono stati superiori a quelli dell’anno scorso - prosegue -. Ora non resta che capire quanto le nuove restrizioni incideranno sull’ultimo quarto dell’anno. Non si può negare che il 2020 è stato difficile», ma non sono mancati i lanci di prodotto, così come le iniziative di market placement nei film alle quali il gruppo è solito prendere parte, in particolare con il marchio Festina, come è successo con il cronografo della collezione Prestige visto nel film Greenland al polso del protagonista Gerard Butler, tra l’altro brand ambassador del marchio.

«Per quanto riguarda i prodotti, hanno riscosso un grande successo le nostre collezioni di smartwatch, dalle più sofisticate come Lotus SmarTime a quelle più fun e colorate come Calypso SmarTime. Abbiamo anche dei modelli che sono a metà tra digitale e analogico con la collezione Jaguar Hybrid, mentre tra gli orologi più tradizionali le novità di Festina riguardano i cronografi sportivi Chrono Bike».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti