commercio estero

Così il made in Italy in Russia ha perso 5 miliardi in tre anni

di Raoul de Forcade


default onloading pic

3' di lettura

È in calo di cinque miliardi rispetto al record di tre anni fa l’export italiano verso al Russia. Lo ha spiegato Antonio Fallico, presidente di Banca Intesa Russia e dell'associazione Conoscere Eurasia, nel corso del seminario Italia-Russia, l’arte dell’innovazione, organizzato a Genova, tra gli altri, da Regione Liguria e Consolato generale della Federazione russa di Genova, con la collaborazione di Intesa Sanpaolo.

«Nel 2016 – ha detto Fallico - se i nostri dati saranno confermati, il valore dell’export italiano verso la Russia sarà di 6,1 miliardi di euro. Se così andranno le cose, mancheranno all’appello poco meno di 5 miliardi. Uno shock per molte aziende» tricolori. Nell’ultimo trimestre 2016, ha poi aggiunto Fallico, «il Pil ha registrato un segno positivo, anche se modesto, e nel 2017 si prevede che la Russia crescerà dell’1,5%. Ma siamo lontani dal 2013, quando si registrò il record di oltre 30 miliardi di euro nell’interscambio italo-russo, con le nostre esportazioni quasi a 11 miliardi».

A creare questa situazione, le sanzioni introdotte da Usa e Ue verso la Russia nel 2014 e le contro-sanzioni russe. Oltre ai settori colpiti da queste ultime che, ha ricordato Fallico, hanno portato a «-96% fra 2013 e 2016 per l’industria lattiero-casearia italiana e -78% per la carne lavorata, l’effetto drammatico della tensione geopolitica ha avuto ripercussioni su altri settori ben più impattanti sul sistema Paese, rispetto all'agroalimentare». Negli ultimi tre anni, «le vendite in Russia di macchine utensili made in Italy hanno perso oltre il 50%, la siderurgia il 74%, i materiali da costruzione il 54%. Ma, a dicembre, le esportazioni italiane verso la Russia sono tornate ad avere un segno positivo con un +9,2% sullo stesso mese del 2015».

L’INTERSCAMBIO COMMERCIALE

Valori in miliardi di euro


Per capire l’entità del danno, è interessante rilevare come l’export italiano verso la Russia, si legge in un’elaborazione di Intesa Sanpaolo su dati Istat, presentata da Cristina Balbo, direttore regionale Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria della banca, fosse «aumentato di 8,3 miliardi tra il 2000 e il 2013 (da 2,5 miliardi di euro a 10,8 miliardi), offrendo un contributo significativo alla crescita dell'export italiano». Nel biennio 2014-15 si è registrato, invece, un «calo di 3,7 miliardi». Un nuovo crollo per l’export italiano in Russia è stato registrato nel 2016: -5,3%. «A dicembre 2016, però (come si è visto, ndr), i flussi sono tornati a crescere» (+9,2%).

I rapporti economici tra Russia e Italia

Visualizza

Per quanto riguarda, poi la Liguria, secondo le elaborazioni di Conoscere Eurasia su base Istat, emerge che, «in controtendenza rispetto al dato nazionale 2016 (-5,3%), nei primi tre trimestri di quest’anno l’export ligure verso la Russia registra un balzo positivo del 14,7% rispetto allo stesso periodo del 2015, con un valore di quasi 63,5 milioni di euro».

Una crescita che «colloca la Liguria tra le nove regioni italiane che hanno avuto un export positivo nel periodo indicato e che la pone in quinta posizione in una classifica tutta segnata da percentuali in negativo per il resto dei territori. Bene in particolare la voce macchinari e apparecchiature (+28,3% e un valore di 34 milioni) e in crescita bevande e abbigliamento, mentre perdono leggermente i prodotti chimici (-4,3% a 18,2 milioni). Male il turismo, che chiude il 2016 a oltre -13% sull’anno precedente (dati Cciaa Genova)».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...