Tecnologia biometrica

Così il riconoscimento vocale potrà sostituire le nostre password

Almawave ha stipulato un accordo strategico con la società Phonexia. Ecco i termini dell’accordo e le tecnologie.

di B.Sim

2' di lettura

C'è lo zampino italiano, dietro la tecnologia biometrica che consentirà di effettuare l'autenticazione al telefono, a un'app o ad un servizio web, esprimendosi semplicemente con il linguaggio naturale, sostituendo di fatto l'utilizzo di password scritte. È quello di Almawave, società del gruppo gruppo Almaviva che si occupa di Intelligenza Artificiale, analisi del linguaggio naturale e nei servizi Big Data.
Attraverso la controllata PerVoice, Almawave ha stipulato un accordo strategico con la società Phonexia, nata nel 2006 in Repubblica Ceca, specializzata in software e tecnologie biometriche vocali.

Le nuove tecnologie studiate dalla società ceca, che opera in piena sinergia con l'Università di Tecnologia di Brno, consentiranno di effettuare l'autenticazione al telefono, a un'app o ad un servizio web, esprimendosi semplicemente con la voce. E questo, di fatto, può sostituire le password tradizionali. Un passo importante, nel campo della biometria, che potrebbe aiutare a scongiurare frodi o accessi indesiderati da parte di hacker, e in generale di tutelare i dati più sensibili. Le soluzioni sono pensate in particolare per il settore bancario e finanziario ma potranno trovare applicazione in qualsiasi servizio rivolto al pubblico, ad esempio in ambito Healthcare.
«Ogni giorno, ciascuno di noi ha a che fare con un sempre maggior numero di account e password» ha detto Valeria Sandei, Amministratore Delegato di Almawave, «le tecnologie biometriche, campo di applicazione in cui Phonexia è tra le realtà più specializzate al mondo, offrono una soluzione win-win che oltre a semplicità garantisce innanzitutto sicurezza. In Phonexia abbiamo trovato un partner ideale, che come noi propone soluzioni concrete ad aziende e pubbliche amministrazioni, e persegue l'innovazione tramite la ricerca e la stretta collaborazione con il mondo dell'università».
«Siamo davvero lieti di collaborare con il Gruppo Almawave, tramite la controllata PerVoice, fornendo loro Phonexia Voice Verify, soluzione di biometria vocale all'avanguardia, che consente la verifica dell'identità dei clienti ascoltandone la voce, offrendo in tal modo un'esperienza cliente estremamente rapida e sicura, eliminando l'uso delle password» afferma Michal Hrabi, Ceo di Phonexia.

Loading...


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti