Beauty

Cosmetica, le esportazioni (+14%) trainano la ripartenza

Secondo le previsioni di chiusura 2021 di Cosmetica Italia il fatturato dell’industria dovrebbe raggiungere gli 11,7 miliardi (+10,4%) e i consumi interni i 10,6 miliardi (+8,5%)

di Marika Gervasio

(Wayhome Studio - stock.adobe.com)

3' di lettura

Con un fatturato in crescita del 10,4% per un valore di 11,7 miliardi trainato da una domanda estera che sale del 14% rispetto al 2020 a 4,7 miliardi e dal mercato interno che si attesta a 10,6 miliardi (+8,5%): sono i numeri della ripartenza della cosmesi made in Italy secondo le previsioni di chiusura d’anno del Centro Studi di Cosmetica Italia, l’associazione nazionale delle imprese del comparto. Per raggiungere i livelli pre-Covid si dovrà aspettare il 2022, ma il trend che il settore sta registrando fa ben sperare.

«Le nostre proiezioni - commenta Renato Ancorotti, presidente di Cosmetica Italia - tengono conto del ritorno a una nuova normalità e allo spirito di ritrovata fiducia con cui si guarda avanti. Il settore cosmetico, da sempre, si distingue per la sua aciclicità e, anche in questo scenario macroeconomico ancora incerto, ha avuto una tenuta migliore rispetto a gran parte dei comparti del manifatturiero, dimostrando una forte capacità di reazione. Questo cauto ottimismo è avvalorato dalla graduale ripresa dell’andamento produttivo delle imprese cosmetiche, sostenuto a sua volta dal business internazionale. Il ritorno in presenza di fiere e manifestazioni rappresenta un tassello insostituibile per supportare l’export».

Loading...

La ripresa degli scambi commerciali europei e internazionali e degli spostamenti su scala mondiale ha infatti inciso positivamente sulle esportazioni che balzeranno a fine anno a 4,7 miliardi (+14%), guadagnando terreno rispetto ai 4,2 miliardi del 2020 e ai quasi 5 miliardi del 2019 pre-crisi - dopo il balzo all’indietro di cinque anni nel 2020 -, con una bilancia commerciale che supererà i 2 miliardi di euro.

Le prime dieci destinazioni per valore dell’export cosmetico italiano registrano ritmi sostenuti di crescita, ad eccezione del Regno Unito che soffre gli effetti commerciali della Brexit. Nel primo semestre del 2021, si registra al primo posto la Francia (262 milioni di euro e +6,6%) seguita da Germania (232 milioni di euro e +11,4%), Stati Uniti, prima destinazione extra europea (229 milioni di euro e +15,9%) e Regno Unito (121 milioni di euro e -0,1%). Di rilevanza al sesto posto Hong Kong che, con una crescita di oltre il 44% arriva a 155 milioni di euro, e gli Emirati Arabi Uniti, nona destinazione con un +62,1% e 73 milioni di euro.

EXPORT: DOVE VA LA COSMETICA MADE IN ITALY
Loading...

Positivo anche il mercato interno grazie alle misure di sicurezza a tutela della salute della popolazione e le campagne vaccinali che hanno accelerato il progressivo ritorno alle consuete abitudini di vita e di consumo con ripercussioni positive su tutti i canali di vendita. L’e-commerce, protagonista assoluto degli acquisti durante la pandemia con un tasso di crescita del 42% nel 2020 che lo ha portato a diventare il quarto canale di vendita, conferma la sua posizione anche per quest’anno con un ulteriore incremento previsto 29,7% per un valore di 900 milioni di euro.

Raggiungerà i 4,5 miliardi (+1,5%) la grande distribuzione, confermando il suo ruolo trainante dei consumi di cosmetici, seguita dalla farmacia che con un rialzo del 4% arriva a toccare gli 1,9 miliardi. In decisa ripresa la profumeria (+22,1%, per un valore di oltre 1,8 miliardi) che si avvicina alla quota di distribuzione prepandemia.

Anche i canali professionali reagiscono positivamente ai lunghi periodi di chiusura: acconciatura (+14,8%) ed estetica (+12,6%) rispettivamente a 520 e 190 milioni di euro, recuperando parzialmente le chiusure forzate del 2020. L’erboristeria guadagna il 12,7% a oltre 370 milioni di euro e le vendite dirette il 3,7% a circa 360 milioni.Segnali postivi, dunque, che «proiettando una crescita del 5% del mercato cosmetico nel 2022 e auspicando una crescita del 10% delle esportazioni, fanno prevedere che l’anno prossimo segnerà il ritorno ai livelli precrisi per il settore» conclude Andrea Positano, responsabile del Centro Studi di Cosmetica Italia.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti