ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCosmetica

Coty punta sullo skincare per conquistare la Cina

In Europa, l’’Italia è un mercato chiave, specialmente per un segmento strategico per il gruppo americano, come quello prestige

di Marika Gervasio

2' di lettura

«Quello italiano è un mercato chiave per Coty, specialmente per il segmento prestige, uno dei pilastri della nostra strategia di sviluppo. Nelle fragranze siamo cresciuti del 27% soprattutto grazie a marchi come Gucci, Burberry e Chloé»: Shimei Fan, chief scientific officer di Coty, racconta come il gruppo americano di cosmetici si stia muovendo dopo la pandemia e le sue nuove strategie di sviluppo tra cui un focus sullo skincare. Coty ha chiuso l’anno fiscale 2021-22 con un fatturato di 5,3 miliardi di dollari, in crescita del 15% rispetto all’anno precedente e con un utile netto di 55,5 milioni.

«Lo skincare è stato parte del Dna di Coty per oltre un secolo e rappresenta una grande opportunità di crescita – continua Shimei Fan -. Il mercato è destinato ad aumentare trainato dalla crescente domanda dei consumatori e ci aspettiamo che avrà un impatto importante sul business dell’azienda soprattutto in Cina e Stati Uniti».

Loading...

Ricerca e innovazione. Shimei Fan, chief scientific officer di Coty

Coty è entrata in questo segmento nel 1920, ma il legame con il comparto va cercato ben più lontano, nel 1800, quando i marchi di più lunga storia nel suo portafoglio, Rimmel e Bourjois, hanno iniziato a inserire nella loro offerta di profumi e cosmetici anche le creme per il viso. «Abbiamo marchi che coprono tutti i trend, fasce di prezzo e geografie, sia nelle divisioni prestige sia in quelle consumer. Lo sviluppo dell’asse skincare spingerà il nostro rafforzamento in Cina e, più in generale, in Asia, mercati dove i trattamenti viso e il travel retail hanno un ruolo fondamentale».

All’insegna della sostenibilità ambientale, principio che l’azienda sta portando avanti in tutti i comparti di attività, lo skincare partirà effettivamente l’anno prossimo, con il lancio globale di Orveda, marchio ultra-premium, vegano e genderless legato alle ricerche scientifiche sul microbioma. Sarà rilanciato anche Philosophy, con l’introduzione, entro il 2024, di linee rinnovate e riformulate per essere pulite, vegane e cruelty free.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti