La missione

Covid, in arrivo a Wuhan il team di esperti dell’Oms: l’obiettivo è capire l’origine del virus

Preoccupazione in Giappone dove è stata rilevata una nuova variante diversa da quella inglese; si tratta di un ceppo finora mai individuato

di Redazione Esteri

Cina frena indagine Oms sulle origini del Covid

Preoccupazione in Giappone dove è stata rilevata una nuova variante diversa da quella inglese; si tratta di un ceppo finora mai individuato


3' di lettura

La missione di super-esperti sbarca a Wuhan. Tra pochi giorni una missione internazionale dell'Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) in Cina, dove poco più di un anno fa sono stati registrati i primi casi di una polmonite anomala. La delegazione di 12-15 esperti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità proseguirà sul campo le indagini sull'origine del nuovo coronavirus. Il team, che include i massimi esperti mondiali di malattie zoonotiche, esaminerà le prove già raccolte sul campo negli ultimi mesi da scienziati cinesi e le userà come base per ulteriori studi.

Particolarmente attesi sono i colloqui con i venditori del mercato di Wuhan, ai quali sarà chiesto in che modo pensano di essersi infettati con il virus. Il SARS-CoV-2 è simile, ma non identico, a un coronavirus individuato nei pipistrelli ferro di cavallo (fam. Rhinolophidae): si pensa pertanto che abbia contagiato un animale intermedio prima di compiere il salto verso la nostra specie.

Loading...

Sei settimane di rilevazioni

La missione dovrebbe durare sei settimane, incluse due di quarantena all'ingresso nel Paese. La Cina, che mette in atto misure molto severe di isolamento anche per le persone positive ma asintomatiche, relegate in apposite strutture fino a completa negativizzazione, ha praticamente azzerato i casi dichiarati di Covid; intanto, i media di Stato insistono sul fatto che il virus esisteva all'estero prima di essere scoperto - e importato - a Wuhan. Polemiche per la selezione che il governo cinese avrebbe attuato in merito agli scienziati da ospitare a Wuhan.Il 23 ottobre 2020 l'Oms aveva riferito di aver avviato una collaborazione con i più competenti scienziati cinesi per risalire alle origini del virus. Il piano annunciato era articolato in due fasi, la prima delle quali strettamente “territoriale” e affidata ai soli esperti della Cina. L'arrivo a Wuhan di delegati internazionali potrebbe significare l'avvenuta acquisizione dei primi indizi e il passaggio a una seconda fase. Il mercato del pesce di Wuhan è solo una delle possibili piste seguite: anche se non è certo che il salto del virus all'uomo sia avvenuto tra quei banconi, il contesto affollato e di prossimità con gli animali potrebbero aver agito da moltiplicatori iniziali.

Stati Uniti e Cina, le accuse reciproche

Gli Stati Uniti, che hanno accusato la Cina di aver mentito sull'estensione del contagio, hanno chiesto un'inchiesta «trasparente» e hanno criticato alcune condizioni, come quella che consentirà a scienziati cinesi di condurre la prima fase della ricerca preliminare. Le autorità cinesi, va ricordato, denunciarono all'Oms il primo caso di una allora misteriosa polmonite il 31 dicembre 2019 e chiusero il mercato di animali vivi di Wuhan dal quale ritennero fosse partita l'infezione. La vera origine del virus e la maniera in cui sarebbe passato da animale a uomo è però ancora un mistero. La presenza a Wuhan di un importante istituto di virologia ha scatenato le ipotesi più disparate in chi sospetta che il SARS-CoV-2 possa essere uscito dai suoi laboratori. La Cina sostiene invece che il virus possa essere arrivato dall'estero, dal momento che ne è stata trovata traccia in cibo congelato da importazione e che alcuni studi scientifici ritengono fosse presente in Europa già lo scorso anno.

Covid, la variante giapponese

Anche in Giappone è stata scoperta una nuova variante di Covid che ha allertato gli esperti del Paese. A renderlo noto il ministero della salute nipponico, secondo quanto riferito dal Japan Times.Sebbene siano state riscontrate delle somiglianze con la variante del Regno Unito e con quella proveniente dal Sudafrica, le autorità sanitarie locali hanno dichiarato che si tratta di un nuovo ceppo mai individuato fino ad ora.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti