ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCoronavirus

Covid: in Italia in 7 giorni -11,3% casi e -11,5% di vittime. Iss: variante Gryphon stabile al 2%

I dati del ministero della Salute: il tasso di positività al 15,1% con una variazione (+1,6% rispetto alla settimana precedente)

Coronavirus: bollettino del 30 dicembre 2022

1' di lettura

Diminuiscono i casi di Covid e i morti in Italia. In merito all’andamento della situazione epidemiologica da Covid-19 il ministero della Salute rende noto che nella settimana 23-29 dicembre 2022 si registrano: 122.110 nuovi casi positivi con una variazione di -11,3% rispetto alla settimana precedente (137.599). Sono stati 706 i deceduti con una variazione di -11,5% rispetto alla settimana precedente (798); 807.118 tamponi effettuati con una variazione di -20,8% rispetto alla settimana precedente (1.019.362). Infine il tasso di positività di 15,1% con una variazione di +1,6% rispetto alla settimana precedente (13,5%).

Iss: variante XBB Gryphon al 2% in Italia, stabile ++

In Italia, al momento, le sequenze presenti nella piattaforma Icogen relative alla variante XBB denominata Gryphon, che ha probabilmente contribuito all’esplosione di casi Covid in Cina, sono pari al 2% del totale, un valore sostanzialmente stabile rispetto al bollettino di novembre. Lo evidenzia il bollettino mensile dell’Iss sulle varianti, relativo a dicembre, che riporta le sequenze genomiche depositate settimanalmente dai laboratori regionali sulla piattaforma Icogen (Italian Covid-19 Genomic) e Iss.

Loading...

Magrini: buoni dati Italia, vaccinarsi fondamentale

«Per quanto riguarda farmaci e vaccini, la situazione italiana è al momento sotto controllo. I nostri dati sono buoni e registrano un calo di infezioni Covid. Ora l’importante è vaccinarsi e fare i richiami. Si tratta di un passaggio fondamentale per consolidare i risultati. L’obiettivo è vaccinare in gennaio tutti i soggetti a rischio per età e patologie e i soggetti fragili di ogni età». Così il direttore generale Aifa, Nicola Magrini, che ha partecipato alla riunione dell’Unità di crisi al ministero della Salute. «Nella riunione abbiamo fatto il punto sulla situazione epidemiologica e manterremo alta la vigilanza», ha detto.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti