ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùOltre l’emergenza

Mascherine al chiuso: non più obbligatorie, ma si continua a usarle

Da Milano a Roma la quotidianità degli italiani non sembra affatto cambiata: in tanti indossano comunque Ffp2 o chirurgiche

Covid, alla Perugina mascherine per tutto maggio

2' di lettura

In Italia dal primo maggio è stato archiviato il Green pass e sono stati cancellati molti obblighi sulle mascherine. Aldilà della fine delle norme però, il Paese - segnato da oltre due anni di pandemia - si scopre ancora prudente. Da Milano a Roma la quotidianità degli italiani non sembra affatto cambiata: in tanti indossano comunque Ffp2 o chirurgiche nonostante l’uso dei dispositivi di protezione non sia più necessario all’aperto, compresi gli stadi o gli eventi culturali. E in alcuni posti al chiuso, come negozi e supermercati o negli uffici pubblici le mascherine restano soltanto raccomandate.

Protocolli di sicurezza da aggiornare il 4 maggio

Del resto è probabile che dall’incontro il 4 maggio tra imprese e sindacati per aggiornare i protocolli di sicurezza nei luoghi di lavoro privati emergerà una linea prudenziale. E che le mascherine resteranno obbligatorie. Anche perché, in caso di contagio sul luogo di lavoro, a rischiare sono proprio esercenti e imprenditori, visto che l’Inail ha già da tempo equiparato l’infezione da Covid all’infortunio sul lavoro.

Loading...

La prudenza delle imprese

Diverse aziende hanno già deciso di prolungarne l’obbligo: allo stabilimento della Perugina le mascherine dovranno essere utilizzati per tutto il mese di maggio, «per salvaguardare non solo i nostri dipendenti ma più in generale tutti coloro che vengono al nostro shop», spiega l’azienda. Stessa decisione all’Ast di Terni, dove i circa 3 mila 500 dipendenti dovranno ancora indossare i dispositivi di protezione, in attesa dell’aggiornamento delle linee guida in sede ministeriale.

La cautela degli esperti

Resta la prudenza anche in molti uffici e ogni azienda si regola a seconda del protocollo nazionale sottoscritto. Atteggiamenti che sembrano trovare il favore generalizzato dei lavoratori e degli esperti, i quali in generale invitano tutti alla cautela, soprattutto «per preservare i più fragili».

Shopping ancora con la mascherina

Ma anche nei negozi delle principali città italiane commessi, barman e camerieri continuano spesso a lavorare a volto coperto. E non solo loro, visto che a Milano, così come a Roma e a Torino, anche i clienti in molti casi hanno preferito far compere o mettersi in fila alla cassa con la mascherina. Nulla invece cambia almeno fino al 15 giugno sui mezzi pubblici, dove il dispositivo di protezione resta obbligatorio.

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti