ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCoronavirus

Covid, niente più tampone per uscire dall’isolamento. Abolito il green pass per entrare in ospedale

Nel decreto “anti-rave party” anche il rinvio al 30 giugno 2023 del pagamento della multa di 100 euro per chi ha detto di no al vaccino anti-Covid

di Andrea Gagliardi

Zaia su medici no vax: "C'è grossa necessità negli ospedali"

2' di lettura

Il decreto, cosiddetto “anti-Rave party”, passato al Senato con 92 sì, 75 no e un astenuto, oltre a introdurre il reato di ’rave-party’ (articolo 633-bis Codice penale) che punisce con il carcere da 3 a 6 anni chi organizza mega-raduni musicali su terreni altrui, contiene alcune norme di carattere sanitario decisive nella gestione dell’isolamento per i contagiati da Covid, annunciate da tempo dal ministro Schillaci. Non va dimenticato che il decreto deve passare ora al vaglio della Camera

Stop all’isolamento senza tampone

L'isolamento delle persone infettate dal coronavirus, che oggi dura 5 giorni, si concluderà, senza bisogno di fare un tampone. Resta in vigore l'obbligo di isolamento ma lo si interrompe eliminando dunque l’obbligo di fare un test. Il cambiamento ha bisogno di essere meglio specificato. Cosa succede se una persona ha ancora sintomi dopo 5 giorni? Dovrà risolvere la questione una circolare di Schillaci, che indicherà ad esempio come comportarsi a seconda che ci siano o meno dei sintomi, dei quali nella norma approvata al Senato non si parla.

Loading...

Stop al green pass per entrare in ospedale

Il decreto inoltre prevede l’abolizione del green pass negli ospedali, ultimo luogo in cui era rimasto l’obbligo (fino a fine dicembre 2022). Familiari e visitatori a strutture di ospedali, residenze sanitarie assistite (RSA), strutture riabilitative e strutture residenziali per anziani, non avranno più l’obbligo di esibire il certificato verde.

Scende a 5 giorni l’autosorveglianza dei contatti dei positivi

Non solo. Le persone che hanno avuto contatti stretti con positivi oggi possono uscire ma devono seguire un regime di autosorveglianza per 10 giorni, indossando la mascherina. Un emendamento ha abbassato la durata a 5 giorni, sempre con mascherina Ffp2 al chiuso o dove c’è il rischio di assembramenti. Viene anche abolita la misura attuale che prevede «l’obbligo di effettuare un tampone presso centri privati a ciò abilitati, alla prima comparsa dei sintomi e, se ancora sintomatici, al quinto giorno successivo alla data dell'ultimo contatto»

Sospensione delle multe da 100 euro

Il decreto prevede inoltre che quando entrerà in vigore la legge di conversione e fino al 30 giugno dell’anno prossimo saranno sospesi i procedimenti per le sanzioni da 100 euro (in base a un emendamento della Lega), attualmente previste per gli over 50, insegnanti, forze dell’ordine che al 15 giugno scorso non erano in regola con le vaccinazioni.

Già da novembre stop a obbligo vaccino per sanitari

Non va dimenticato del resto che già a fine ottobre il governo firmò un decreto che prevedeva lo stop anticipato all’obbligo vaccinale contro il Covid per gli operatori sanitari. Non si è dovuto più attendere il 31 dicembre ma già dal 1 novembre è cessato ogni obbligo, con annessa possibilità di tornare al lavoro.

Prorogata l’Unità del generale Petroni

L’Unità per il completamento della campagna vaccinale e per l'adozione di altre misure di contrasto della pandemia, guidata dal generale Tommaso Petroni e istituita dopo la fine dell’incarico di commissario al generale Francesco Figliolo doveva passare tutte le competenze al ministero alla Salute dal primo gennaio 2023. Si è deciso di prorogarla fino al primo luglio dell’anno prossimo.

.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti