Oltre l’emergenza

Covid: tempo libero, lavoro, scuola e quarantena. Le nuove regole dal 1° aprile in venti domande e risposte

Dopo l’entrata in vigore del nuovo decreto con la road map del ritorno alla normalità, vediamo nel dettaglio come cambia la vita degli italiani dal 1° aprile, prima dell’archiviazione di fatto del green pass a fine mese

di Andrea Gagliardi

Milano, protestano i medici di base: "Dobbiamo occuparci di troppa burocrazia"

6' di lettura

Dal 1° aprile l’Italia non sarà più in stato di emergenza a causa del Covid. Non è un liberi tutti. Resta (per ora fino al 30 aprile) l’obbligo di mascherine al chiuso. E resta fino a fine aprile l’obbligo di green pass (soprattutto nella sua versione base) per molte attività, dai ristoranti al lavoro. Obbligo che sarà cancellato dal 1° maggio ovunque (resta fino al 31 dicembre solo per le visite in ospedali e Rsa). Non solo. Già da venerdì 25 marzo (data di entrata in vigore dell’ultimo decreto Covid) gli over 50 (per i quali resta l’obbligo vaccinale fino al 15 giugno, pena multa di 100 euro) possono lavorare anche se non vaccinati. Basta un tampone negativo (valido 48 ore). Ma vediamo nel dettaglio, dopo l’entrata in vigore del nuovo decreto con la road map del ritorno alla normalità come cambia dal 1° aprile la vita degli italiani, prima dell’archivizione di fatto del green pass a fine mese.

Per lo shopping in negozi e centri commerciali servirà il pass?

No. Dal 1° aprile l’ingresso nei negozi e nei centri commerciali è libero: non sarà più richiesto il green pass base (vaccinazione, guarigione o tampone) come avviene attualmente. Bisognerà indossare ancora fino a fine aprile la mascherina (basta quella chirurgica).

Loading...

Quali sono gli altri luoghi nei quali l’accesso diventa libero?

Niente più green pass anche per musei, uffici pubblici, banche e poste, tutti luoghi dove finora era richiesto il certificato verde base e nei quali l’accesso diventa libero (sempre con mascherina).

Quali sono le nuove regole al bar e al ristorante?

Dal primo aprile per consumare seduti ai tavolini all’aperto di un bar o ristorante il green pass non servirà più. Se invece si vuole bere un caffè, pranzare o cenare al chiuso, resta obbligatorio, fino al 30 aprile, il certificato verde. Ma basterà quello base che si ottiene con anche con un tampone negativo.

Per praticare sport al chiuso servirà ancora il super green pass?

Sì. Mentre l’attività all’aperto è libera, fino al 30 aprile chi frequenta piscine e palestre al chiuso o pratica sport di squadra al chiuso, avrà bisogno ancora del super green pass (vaccinazione o guarigione).

E per andare allo stadio o vedere una partita di basket?

Per gli eventi sportivi all’aperto basta il green pass base. È sufficiente perciò il tampone per la vedere la partita allo stadio. Per gli eventi al chiuso, per esempio nei palazzetti dello sport per assistere alle partite di volley o basket, resta l’obbligo di super green pass. È sempre richiesta, sia allo stadio che al palazzetto dello sport, la mascherina Ffp2. La stessa mascherina è obbligatoria su funivie, cabinovie e seggiovie coperte per accedere agli impianti sciistici.

Dove e fino a quando resta in generale l’obbligo di mascherina?

Fino al 30 aprile 2022 in tutti i luoghi al chiuso, ad esclusione delle abitazioni private. In classe l’obbligo è esteso fino alla fine dell’anno scolastico (inizio giugno).

Cosa è necessario per organizzare feste e ricevimenti?

Per qualsiasi tipo di festa organizzata in un locale al chiuso (compleanno, laurea, nozze, cresima, comunione ecc.) gli invitati devono essere muniti di super green pass.

Quali sono le regole per cinema, teatri, concerti e discoteche?

Anche in questo caso le regole, dal 1° al 30 aprile, variano all’aperto e al chiuso. Per vedere un film, uno spettacolo teatrale o assistere a un concerto al chiuso bisognerà indossare una mascherina Ffp2 e mostrare il Super Green Pass. Per le stesse attività, se svolte all’aperto, basterà il green pass base. Sempre con obbligo di mascherina Ffp2. In discoteca, dove si tornerà a capienza piena, c’è obbligo di super green pass. E basterà la mascherina chirurgica, da levare solo in pista al momento del ballo.

Per alloggiare in hotel bisognerà essere vaccinati?

No. E non servirà neppure il tampone. Dal primo aprile cade ogni obbligo di Green Pass negli alberghi e nelle strutture ricettive come i bed&breakfast.

Per viaggiare su un treno Alta velocità sarà necessario ancora il Super Green Pass?

No. Ma, ancora ancora per un mese, e cioè dal primo al 30 aprile, a tutti coloro che salgono su mezzi di trasporto nazionali sarà richiesto il Green Pass base. Quindi ai passeggeri di treni, di autobus, navi e traghetti che si spostano da una regione all’altra e di autobus basterà mostrare un tampone negativo, rapido o molecolare. I viaggiatori avranno sempre l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2.

Cosa servirà per salire su tram, bus e metropolitane?

Per salire sui mezzi di trasporto pubblico locale non serve nessun certificato. Dal primo aprile decade infatti l’obbligo di Green Pass rafforzato. Ancora per un mese l’unico obbligo che dovranno rispettare i passeggeri è quello di indossare la mascherina Ffp2. Dal 1° maggio, a meno di proroghe, decadrà anche questo obbligo.

Cosa cambia al lavoro per gli over 50 non ancora vaccinati?

Resta l’obbligo fino al 15 giugno di concludere il ciclo vaccinale, compreso il richiamo. In caso contrario scatta una multa una tantum di 100 euro. Cambiano però le regole al lavoro. Sin dal 25 marzo, infatti, gli over 50 non vaccinati possono accedere ai luoghi di lavoro con il green pass base. Niente più sospensione dal lavoro e dallo stipendio per chi non si vaccina (come è stato finora). Per gli under 50, già tenuti al green pass base al lavoro, non cambia nulla.

Quali le novità per lo smart working nel settore privato?

La possibilità di ricorrere allo smart working nel settore privato senza l'accordo individuale tra datore e lavoratore, e quindi ancora con un regime semplificato, è prorogata dal 31 marzo al 30 giugno 2022. Nel settore pubblico invece la modalità di lavoro prevalente resta quella del lavoro in presenza.

Cosa succede in caso di contatto stretto con un positivo?

Dal primo aprile sono previste regole uguali per tutti sulla quarantena, senza distinzione tra chi ha fatto il vaccino e chi no. Addio quarantene quindi, anche per i no vax, a seguito di contatto con un caso positivo al Covid: anche a loro si applicherà il regime dell'autosorveglianza, con obbligo di indossare per 10 giorni con mascherina Ffp2 e tampone necessario solo in caso di sintomi. Non cambiano, per ora, le regole invece per chi è positivo, che deve stare in isolamento (in linea di massima) per 7 o 10 giorni a seconda che sia o meno vaccinato.

Cosa succede a scuola in caso di contagi in classe?

Dal 1° aprile scompaiono le differenze tra vaccinati e non vaccinati in caso di alunni positivi in classe. Fermo restando che solo gli alunni positivi vanno in isolamento fino a guarigione e per loro può essere attivata la Dad, tutti gli altri possono sempre continuare a frequentare in presenza. Con almeno quattro casi di positività tra gli alunni, sia alla primaria che alla secondaria, le attività proseguono con l’utilizzo per tutti (docenti e alunni) delle mascherine FFP2 per dieci giorni dall’ultimo contatto con un soggetto positivo. Ai primi sintomi occorre fare un tampone di controllo. In condizioni “normali” le mascherine chirurgiche vanno comunque indossate obbligatoriamente fino alla fine dell’anno scolastico.

I docenti no vax potranno tornare a insegnare ?

No. Ma, a partire dal 1° aprile, il preside non potrà impedire agli insegnanti no vax di tornare a scuola se muniti di green pass base (ossia tampone negativo). Resta il divieto di lavorare a contatto con gli alunni. Dovranno essere utilizzati in «attività di supporto all'istituzione scolastica». Per svolgere le quali sarà comunque necessario il green pass base. L'obbligo vaccinale per gli insegnanti (dose booster compresa) resta comunque fino al 15 giugno. Chi non si vaccina va dunque incontro alla sanzione di 100 euro.

Quali sono le regole per gli studenti all’università?

Restano fino al 30 aprile obbligo di mascherina e di distanza di un metro in aula, oltre al divieto di accesso con temperatura sopra 37.5°. Esteso fino al 30 aprile l’obbligo di green pass base per gli studenti universitari e per «chiunque accede alle strutture appartenenti alle istituzioni universitarie».

E per i docenti?

Quanto ai docenti, resta anche per loro l’obbligo di vaccino fino al 15 giugno (pena multa di 100 euro) ma dal 1° al 30 aprile basterà essere muniti di esibire il green pass base per insegnare (non è più obbligatorio il “super”).

Poliziotti e carabinieri non vaccinati possono tornare al lavoro?

Sì. L’obbligo vaccinale in vigore anche per le forze dell’ordine, le forze armate e il personale del soccorso pubblico resta valido fino al 15 giugno. Ma dal 25 marzo chi non è vaccinato può tornare a lavorare con il Pass base. Per essere riammessi al lavoro basta insomma un test negativo (da ripetere ogni 48 ore). Per chi non è vaccinato non scatta più, pertanto, la sospensione dal lavoro e dallo stipendio. Ma senza vaccino entro metà giugno resta la sanzione di 100 euro.

E medici e infermieri?

Loro no. Il nuovo decreto prolunga fino 31 dicembre l’obbligo di vaccinazione. Fino a quella data per medici e infermieri che non si vaccinano resta la sospensione dal lavoro e dallo stipendio. Stessa sorte per i lavoratori negli ospedali e nelle RSA;

Cosa serve per le visite ai pazienti in ospedale?

Serve il Super Green Pass. E servirà fino al 31 dicembre. L’intento è tutelare le persone più fragili.


Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter



Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti