ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCoronavirus

Covid, Usa e Europa preparano i piani di vaccinazione anti varianti dell’autunno: cosa sappiamo finora

L’Ema si appresta ad approvare gli “aggiornamenti” destinati a colpire anche i sottotipi del ceppo originale di SARS-CoV-2

Superato il picco dei decessi Covid,verso decremento

3' di lettura

L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) si appresta ad approvare in autunno il vaccino anti-Covid di Pfizer/BioNTech adattato per contrastare le varianti Ba.4 e Ba.5 di Omicron. Le due case farmaceutiche hanno avviato una sperimentazione clinica e dovrebbero presto presentare una domanda di autorizzazione all’ente regolatorio europeo, che potrebbe poi procedere con un’approvazione rapida in autunno. Un segnale in aggiunta agli altri che l’attesa per i vaccini adattati alle ultime varianti del Covid sta per terminare.

Nell’Ue 350mila contagi al giorno

All’inizio di un agosto i contagi nel Vecchio Continente si mantengono stabili - in media, intorno ai 350mila al giorno - ma la Commissione europea lavora senza sosta per farsi trovare pronta per la stagione fredda, quando la curva è prevedibile che rialzi la testa. E lo fa prima di tutto spostando in avanti di qualche settimana le consegne previste per l’estate con Moderna, per garantire che i Paesi abbiano le dosi necessarie quando più ne avranno bisogno, e poi iniziando a prenotare le prime dosi dei vaccini adattati alle varianti Ba.4 e Ba.5 di Omicron. Prima, però, servirà l’autorizzazione dell’Agenzia europea del farmaco (Ema), la cui lente è, già da metà giugno, puntata sull’aggiornamento degli immunizzanti destinati a colpire sia il ceppo originale di SARS-CoV-2 che i successivi sottotipi.

Loading...

L’intesa tra Bruxelles e Moderna

All’indomani dell’annuncio di Pfizer e BioNTech della loro prima sperimentazione clinica del vaccino aggiornato per neutralizzare il nuovo duo di varianti, Bruxelles ha chiuso un accordo con la statunitense Moderna per adeguare ancora una volta il suo calendario di consegne, rinviando a settembre e durante l’autunno-inverno la fornitura dei lotti inizialmente previsti per l’estate. Un’intesa che garantirà che «i Paesi abbiano accesso alle dosi di cui hanno bisogno al momento giusto per proteggere i cittadini», ha spiegato la commissaria europea per la Salute, Stella Kyriakides. E, soprattutto, che assicura alle capitali europee i primi 15 milioni di dosi adattate alle varianti. Previa, come di consueto, l’autorizzazione all’immissione in commercio da parte di Ema.

I medici di famiglia: molto il sommerso

Le premesse rafforzano la speranza di affrontare la stagione fredda con nuove armi nel combattere una pandemia ancora lontana dal dirsi terminata. «Sul fronte Covid stiamo vivendo una strana estate, con molto sommerso. Osserviamo tantissimi casi, a conferma del fatto che non solo il virus non è scomparso, ma è fortemente sottostimato», evidenzia Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale e delle cure primarie (Simg). Numeri che torneranno fatalmente a salire con l’arrivo dell’autunno. Per questo, ha osservato Kyriakides, «gli Stati membri devono disporre degli strumenti necessari».

Massima sicurezza, la linea ferma di Ema

BioNTech e Pfizer hanno annunciato in questi giorni l’avvio di una sperimentazione clinica per il vaccino aggiornato, puntando a «una protezione ampia e prolungata». E la stessa Moderna, con l’intesa raggiunta con Bruxelles, prevede di essere pronta per settembre. Quando saranno in arrivo anche oltre un milioni di dosi del vaccino sviluppato da Valneva. A Ema, invece, spetta il delicato compito di tenere il passo con le nuove varianti garantendo al tempo stesso la massima sicurezza. «Le promesse non mi bastano», ha detto qualche giorno fa la direttrice dell’agenzia Ue, Emer Cooke.

Al vaglio somministrazione di richiami annuali

Già a inizio luglio il responsabile della strategia per i vaccini della stessa Ema, Marco Cavaleri, aveva riferito che l’obiettivo è arrivare all’approvazione «a settembre». Al vaglio anche gli «approcci migliori alla vaccinazione per affrontare potenziali nuove ondate», tra cui un quadro simile a quello per l’influenza, con la somministrazione di richiami annuali.

Fauci: non abbassare la guardia

È convinto che sia «scorretto e prematuro sostenere che l’infezione sia finita» e che sia necessario essere cauti il virologo Anthony Fauci. La disponibilità di vaccini aggiornati varierà nei singoli Paesi determinando la strategia caso per caso. «Negli Stati Uniti dovremmo averli per la metà di settembre», secondo le previsioni del direttore del National institute of allergy and infections diseases di Washington. «Le autorità sanitarie raccomandano alle persone in buona salute e che hanno già ricevuto la terza dose, di aspettare appunto fino a quando saranno pronti i nuovi prodotti. Tuttavia gli individui più deboli o con altre malattie , farebbero bene a vaccinarsi subito, specialmente in Italia o nel Regno Unito, dove presumibilmente i nuovi vaccini arriveranno a ottobre-novembre».

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti