società

Covivio, affittati due edifici del progetto The Sign

di Paola Dezza


default onloading pic

2' di lettura

Covivio prosegue nella strategia di concentrazione a Milano. E nell'ambito dello sviluppo The Sign, business district in fase di sviluppo in prossimità della fermata Romolo della metropolita con un investimento di 106 milioni per circa 40mila mq, ha siglato un accordo preliminare con NTT Data, leader nei servizi di IT e digital engineering, per la locazione dei nuovi edifici B e C, con 18 mesi di anticipo rispetto alla tabella di marcia della strategia di locazione.

L’accordo riguarda 16.000 mq e avrà una durata di 12,4 anni. Qui arriverà anche Aon nell'edificio A del complesso. Con quest'ultimo contratto Covivio arriva alla quasi totale occupancy del progetto di sviluppo immobiliare, con un anticipo di oltre 18 mesi sulla data di consegna prevista e con un rendimento atteso del 7,3%.

La consegna del building A è prevista agli inizi del 2020, mentre quella degli edifici B e C è prevista a fine 2020. Covivio ha avviato la progettazione dell'edificio D, il quarto e ultimo all'interno di The Sign. L'immobile, che sarà destinato prevalentemente a uso uffici, coprirà una GLA di 11.400 mq, con parcheggi interrati e ampi spazi verdi.

Covivio, che ha un patrimonio immobiliare di 23 miliardi di euro, chiude il semestre con ricavi da locazioni cresciuti del +3,3% a perimetro costante, il valore del portafoglio immobiliare del +2,80% a perimetro costante.
Sono 100mila i mq dei nuovi progetti avviati a Parigi, Levallois-Perret, Milano e Berlino, con un aumento del 30% dei progetti avviati, che hanno raggiunto i 2,10 miliardi di euro (quota di pertinenza del Gruppo: 1,7 mld di euro). Intanto è stato raggiunto un nuovo obiettivo di LTV minore del 40%.

«Il portafoglio di progetti di sviluppo, pilastro strategico di Covivio per soddisfare le attese di una clientela sempre più orientata verso immobili performanti e dotati di servizi, garantisce un rapporto rendimento/rischio ottimale (dal 2010 il tasso di occupazione medio degli immobili consegnati raggiunge il 94% entro i 12 mesi successivi alla consegna) - recita una nota-. Inoltre questi progetti sono il motore del miglioramento della qualità del patrimonio immobiliare e dell'ambizione del Gruppo di raggiungere il 100% di immobili green a uso ufficio entro il 2023».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...