ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLavoro

Cresce a Genova la richiesta di personale. Manca però l’offerta

di Raoul de Forcade

(bannafarsai - stock.adobe.com)

2' di lettura

Aumentano, dopo la ripresa post pandemia, le richieste di lavoratori da parte delle aziende genovesi: sono previste 22mila nuove assunzioni nel periodo maggio-luglio, secondo i dati Excelsior.

Ma per alcune figure, tra cui camerieri e cuochi ma anche tecnici della salute e informatici nonché operai specializzati, aumenta la difficoltà di reperimento. Le imprese, insomma, faticano a trovare il personale che cercano.

Loading...

Il dato emerge da uno studio, compilato da Confindustria Genova con 13 Agenzie per il lavoro che operano sul territorio, che si concentra appunto sulle richieste e sulla reperibilità di figure professionali nella città metropolitana.

Salgono le richieste di personale

Dal report emerge che, nel periodo fra gennaio e aprile 2022, sono arrivate, da parte delle aziende, richieste per 3.678 persone, il 55% in più rispetto ai primi quattro mesi del 2022, il 90% rispetto al primo quadrimestre del 2020 e il 43% in più dello stesso periodo del 2019, cioè del periodo precovid.

Risultano ancora inferiori ai livelli prepandemia, invece, le richieste di impiegati, operai semiqualificati, operatori di impianti industriali e conduttori di veicoli e macchinari mobili.

Mismatch tra domanda e offerta

«C’è un mismatch fra domanda e offerta - ha sottolineato il presidente di Confindustria Genova, Umberto Risso - le cause sono diverse e complesse, anche perché c’è un cambiamento di atteggiamento e disponibilità verso il lavoro, che si estende anche alla cultura del lavoro e alla formazione: ci sono i corsi ma si fatica a trovare chi si iscriva».

Si tratta di un problema, ha detto Marco Gaione, responsabile del Tavolo Apl, «che esiste a tutti i livelli. Non vale solo per i camerieri, che sicuramente è una delle categorie più richieste, ma vale anche per ingegneri e operai specializzati; e spesso le motivazioni sono legate a scelte di vita e a un cambiamento dei bisogni, maturato durante il periodo della pandemia, conseguenza anche dei periodi di lockdown e dello smart working».

Le aziende, nel periodo gennaio-aprile 2022, hanno chiesto tecnici (per il 25%), professioni non qualificate (25%), professioni qualificate nel commercio e servizi (22%), artigiani e operai specializzati (12%), operai, operatori e conduttori (9%), impiegati (6%).

Alla ricerca di tecnici

Le richieste di professioni tecniche, in particolare, sono salite del 27% in termini tendenziali, rispetto allo stesso periodo dell’anno prima, e del 12% in termini congiunturali, in raffronto al quadrimestre immediatamente precedente. In confronto agli stessi mesi 2019, l’aumento è stato pari a +16%.

L’indicatore della difficoltà di reperimento di queste figure mette al primo posto, con un valore di 90 su 100, cuochi in alberghi e ristoranti, operai specializzati nell’edilizia, seguiti da tecnici della salute: le aziende ne cercano 206, l’indicatore segna un grado di difficoltà a trovarne che si attesta a quota 88,1 su 100

Per quanto riguarda, poi, l’edilizia, «il problema - ha affermato Giacomo Franceschini, responsabile del Centro studi di Confindustria Genova - è riuscire a trovare tanti operai specializzati quanti se ne cercano, perché c’è stato un aumento della richiesta in pochissimo tempo». Grazie a incentivi e superbonus, in effetti, testimonia il report, la richiesta relativa al primo quadrimestre 2022, di 103 addetti, risulta addirittura triplicata rispetto al primo quadrimestre 2019.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti