Valute digitali

Criptovalute, stretta finale della Cina: messe al bando tutte le transazioni

Dopo il divieto del trading e del mining, ora Pechino blocca i servizi degli exchange esteri: «Le attività legate alle criptovalute sono illegali»

di Pierangelo Soldavini

Reuters

2' di lettura

La Cina completa la morsa nei confronti delle criptovalute, dichiarando illegali tutte le transazioni finanziarie in cui sono utilizzate. Finora ai cittadini cinesi che volevano acquistare criptovalute non rimaneva che farlo solo attraverso exchange stranieri: ora anche quella porta si chiude.

La stretta rinforza la dura posizione adottata dalle autorità di Pechino, con in testa la Banca centrale, contro qualsiasi ipotesi di valuta digitale che si contrapponga con quella ufficiale.

Loading...

«Le attività commerciali legate alle monete virtuali sono attività finanziarie illegali», ha spiegato la People's Bank of China in una nota datata 15 settembre ma pubblicata sul proprio sito solo oggi, dieci giorni dopo. Le criptovalute, sottolinea la nota, «mettono seriamente a rischio gli attivi delle persone», così come la sicurezza nazionale e la stabilità sociale.

Inutile dire che l'annuncio ha provocato un brusco ridimensionamento delle quotazioni del bitcoin, crollato dai 45mila dollari di metà giornata attorno a 41.600, con una flessione superiore al 10% su 24 ore prima. Ancora peggio è andata a ether, crollato del 17,5% a 2.830 dollari. Ma è l’intero listino delle criptovaluite che ha accusato il colpo.

Proprio bitcoin, ether insieme al tether, stablecoin legata al dollaro, sono esplicitamente citati dalla Pboc come esempi di croptovalute che sono emesse da autorità non monetarie, utilizzano tecnologie crittografiche ed esistono in forma digitale: per queste ragioni non dovrebbero essere utilizzate sui mercati come valute.

Fin qui nulla di nuovo, visto che Pechino ribadisce posizioni già espresse, accompagnandole però con una stretta che elimina l'ultima possibilità per I cittadini cinesi di operare sulle criptovalute.

La Pboc ha infatti ordinato ora la messa al bando dei servizi garantiti da exchange stranieri ai cittadini cinesi. La Cina aveva già vietato anni fa le attività delle piattaforme di exchange nazionali, ma i cittadini aggiravano il divieto con transazioni over-the-counter o peer to peer.

A maggio Pechino aveva avviato la stretta mettendo al bando le attività di trading e di mining. Poco dopo aveva chiesto alle banche di collaborare per bloccare le transazioni in criptovalute.

Ora la Banca centrale vieta alle istituzioni finanziarie, alle piattaforme di pagamento e alle società internet di abilitare pagamenti e transazioni in criptovalute.

La stretta di Pechino nei confronti delle valute digitali prosegue così parallelamente alla politica di contrasto nei confronti delle attività finanziarie dei colossi hi-tech nazionali, soprattutto per quanto riguarda il settore dei prestiti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti