Bitcoin, decimo compleanno in caduta libera: le cinque ragioni del crollo

5/6Fintech

Crollo bitcoin / Trasparente, ma oscuro


default onloading pic
(Syda Productions / AGF)

Il bitcoin è la prima applicazione di successo della blockchain, la tecnologia del distributed ledger, del registro distribuito: per semplificare, al posto di avere un server centrale, le informazioni non condivise tra tutti i nodi della rete. Di fatto, all'interno della “catena dei blocchi” tutti sanno tutto.

Ed è questo il modo con cui la blockchain permette di trasferire valore, evitando la duplicazione del “denaro digitale”. Si tratta quindi di un mondo assolutamente trasparente, almeno in teoria. Mentre invece il bitcoin è diventato sinonimo di anonimato e di grande opacità: il fatto che dietro agli indirizzi dei wallet di bitcoin non si sa bene chi si nasconda ha permesso in questi dieci anni di sfruttare la criptovaluta per traffici illeciti, a partire da Silk Road, il marketplace del deep web dove si poteva acquistare di tutto, dalle armi alle droghe, chiuso dall'Fbi. E dove bitcoin era la moneta corrente. Ma la criptovaluta è stata utilizzata anche per il riciclaggio di denaro sporco da parte di organizzazioni criminali che ne hanno sfruttato l'anonimato per lavare i propri proventi. Una consuetudine che ancora oggi ne condiziona l'immagine. Tanto più che la scarsa trasparenza riguarda anche la carenza di regolamentazione.

Per bitcoin è ancora oggi difficile stabilire se si tratti di valuta, di commodity o di altri strumenti finanziari: l'assenza di regole continua a tenere lontane le grandi banche di Wall Street e gli investitori istituzionali. Anche se un anno fa a Chicago sono partiti i contratti futures ufficiali, ma senza consegna fisica dell'asset, la Sec continua a negare la possibilità di Etf che replichino l'andamento di uno strumento non regolamentato. In attesa di novità su questo fronte, l'Ice, cui fa capo il Nyse, sta per far partire una piattaforma dedicate alle criptovalute. Il cui lancio è già stato rinviato.

Riproduzione riservata ©

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti