Attualita

Cronotachigrafi, sanzioni uguali tra imprese locali ed estere

di M.Cap.


default onloading pic

1' di lettura

C’è anche la volontà degli Stati di proteggere i propri cittadini, dietro la difficoltà di applicare le sanzioni stradali a livello europeo. Una dimostrazione viene dalla sentenza (nella causa C-600/18) con cui il 26 settembre la Corte Ue ha bocciato una norma ungherese secondo cui le piccole e medie imprese locali possono essere punite solo con un ammonimento quando vengono colte per la prima volta a commettere infrazioni in materia di cronotachigrafi dei mezzi pesanti (previste dal regolamento europeo 165/2014). Per la stessa infrazione commessa da imprese non residenti, invece, l’Ungheria prevede normali sanzioni pecuniarie.

La sentenza ricorda che - in base all’articolo 41, paragrafo 1 del regolamento - le sanzioni devono essere «effettive, dissuasive e non discriminatorie». Perciò ogni Stato membro deve assicurarsi che il regime sanzionatorio istituito nel proprio territorio, «si applichi senza distinzioni basate sul luogo in cui è stabilita l’impresa di trasporto su strada» cui le sanzioni vanno applicate. Di qui l’illegittimità della norma nazionale che per le imprese locali non recidive prevede solo un ammonimento.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...