INCARICHI DIRETTIVI

Csm, si valuta di azzerare la nomina per il procuratore di Roma: 13 le domande

La V Commissione sta valutando la possibilità di analizzare nuovamente le domande che erano già giunte a febbraio scorso

di Ivan Cimmarusti


Corsa per la Procura di Roma, indagato ex presidente Anm Palamara

3' di lettura

Il Consiglio superiore della magistratura riapre la corsa alla Procura di Roma, nomina travolta dalla bufera nata dall'inchiesta di Perugia, e dalla scoperta degli incontri tra il pm capitolino Luca Palamara e gli esponenti del Pd Cosimo Ferri e Luca Lotti, alla presenza di cinque togati del Csm, per influenzare la decisione sul successore di Giuseppe Pignatone.

GUARDA IL VIDEO - Corsa per la Procura di Roma, indagato ex presidente Anm Palamara

Il Csm, infatti, sta valutando la possibilità di azzerare l’iter che aveva portato in pole position i magistrati Marcello Viola, procuratore generale di Firenze, e i procuratori capo di Palermo, Francesco Lo Voi, e di Firenze, Giuseppe Creazzo. Stando a quanto emerge, la V Commissione, quella che delibera gli incarichi direttivi, è in procinto di rivalutare tutte le 13 domande giunte a febbraio scorso. Una decisione assunta dopo che sono state revocate le tre proposte di Lo Voi, Viola e Creazzo formulate il 23 maggio scorso, per gli aspetti emersi nel corso delle indagini della Procura della Repubblica di Perugia e del Gico della Guardia di finanza.

PER APPROFONDIRE - «Italia Viva»: la lista dei (primi) 41 parlamentari che seguono Renzi

Stando alla prima votazione, Viola era stato il più votato: a suo favore si erano espressi i togati Piercamillo Davigo, di Autonomia&Indipendenza, e Antonio Lepre, di Magistratura Indipendente, e i laici Emanuele Basile (Lega) e Fulvio Gigliotti (M5S). A Francesco Lo Voi era andato il voto di Mario Suriano, mentre a favore di Giuseppe Creazzo si era espresso Gianluigi Morlini di Unicost.

GUARDA IL VIDEO - Csm nella bufera, Mattarella indice elezioni suppletive

Gli altri candidati - oltre a Viola, Lo Voi e Creazzo - Michele Prestipino, aggiunto a Roma e che guida la procura in qualità di reggente; i procuratori di Siena, Salvatore Vitello, quello di Frosinone, Giuseppe De Falco, di Ravenna, Alessandro Mancini, di Velletri Francesco Prete; i procuratori generali di Lecce, Antonio Maruccia, e di Salerno Leonida Primicerio; il capo della procura per i minori di Campobasso, Claudio Di Ruzza. Hanno presentato domanda anche Cuno Tarfusser, vicepresidente della Corte penale internazionale, e Giuseppe Corasaniti, capo del Dipartimento Affari di Giustizia del ministero.

GUARDA IL VIDEO - Caso Csm, governo pensa a riforma della giustizia

La decisione, come detto, è stata presa dopo che sono trapelate le intercettazioni su incontri svolti tra Palamara, consiglieri ormai dimessi del Csm e i politici Luca Lotti del Partito democratico e Cosimo Ferri, ex Pd transitato nel nuovo partito Italia Viva di Matteo Renzi. In quelle intercettazioni si sente Lotti fare il nome di Viola, come magistrato che avrebbe dovuto sostituire Pignatone, pensionato da maggio scorso. «Su Roma si vira su Marcello Viola», dice un convinto Lotti. Secondo le verifiche ci sarebbe stato un «centro di potere» esterno al Csm, che veicolava le nomine nelle principali procure d’Italia.

Luca Lotti (Pd) dialoga con Cosimo Ferri (Italia Viva) e il pm Luca Palamara per la nomina del nuovo procuratore di Roma

Lotti, secondo gli inquirenti, compie «palesi quanto illecite interferenze da parte di soggetto rivestente la qualità di imputato», aspetto che «non poteva di certo essere ignorata da nessuno dei presunti». Negli atti si legge anche di presunte strategie tese a danneggiare gli altri candidati per la carica di procuratore di Roma. Si tratta di Giuseppe Creazzo, procuratore a Firenze. In una intercettazione, Cosimo Ferri dice a Palamara: «Ma secondo te poi Creazzo, una volta che perde Roma, ci vuole andare a Reggio Calabria o no?». Risponde il pm di Roma: «Gli va messa paura con l'altra storia, no?

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...