House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica Arte

Da Fidel Castro a Tony Blair. A Firenze in mostra i volti del potere

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 05 ottobre 2010 alle ore 19:23.

Il filo rosso del potere, i suoi volti attraverso i secoli, la fanno da padrone nell'autunno fiorentino di Palazzo Strozzi . Fino al 23 gennaio la Strozzina, Centro di cultura contemporanea di Palazzo Strozzi, ospita "Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità", che, tradotto, significa come si confrontano con il potere e i meccanismi dell'oggi una ventina di artisti nel panorama internazionale contemporaneo. Una riflessione che non può essere univoca, proprio per come è cambiato il potere (e i mezzi di cui dispone) dai tempi in cui Agnolo Bronzino, protagonista dell'eccezionale esposizione visitabile al piano nobile del Palazzo , metteva il suo genio al servizio dell'affermazione politica dei Medici. E' un secolo ormai che l'arte si è affrancata dalla mera sudditanza alle istituzioni, ecclesiastiche o aristocratiche; lo sottolineava Michelangelo Pistoletto, di cui il cortile del Palazzo propone (su commissione della Strozzina) i celebri specchi in un'installazione site -specific, "Metrocubo d'infinito in cubo specchiante".

Così la mostra evidenzia come l'arte al giorno d'oggi abbia principalmente due approcci: la ritrattistica in senso stretto, che indaga e molto spesso crea l'immagine iconica di personaggi ormai assurti a simboli, oppure l'indagine, attraverso la rappresentazione critica di poteri e modelli sociali, spingendosi in alcuni casi a veri e propri studi di meccanismi più o meno occulti. Se al giorno d'oggi il ruolo dell'immagine ha assunto un valore devastante, così il potere - ma meglio sarebbe parlare di poteri, sociale, economico, politico - dispone di un apparato mediatico articolato ed efficientissimo nel creare o veicolare l'idea del sé che vuole diffondere. Può quindi fare a meno dell'arte per auto-celebrarsi, ma non per questo l'arte rinuncia alla propria riflessione: attraverso fotografie, video, installazioni multimediali.

Ci sono pure vere scoperte, come nella nuova opera del compositore italiano Fabio Cifariello Ciardi, che proietta i discorsi pubblici di politici quali Bush, Obama, Blair, mentre apposite cuffie diffondono in sincrono le note di partiture per clarinetto, flauto e violoncello.

L’articolo continua sotto

Tra bellezza, poesia e natura Bronzino a Palazzo Strozzi

E' davvero memorabile la mostra che Palazzo Strozzi dedica a Bronzino. Si tratta di un'antologica

I ritratti del potere

Tags Correlati: Annie Leibovitz | Arte | CIA | Elisabetta II | Fidel Castro | Firenze | Jules Spinatsch | Martin Parr | Michelangelo Pistoletto | Temporary Discomfort | The Yes Men | Tony Blair | Wang Qingsong

 

Altro non sono che le trascrizioni in un mezzo non verbale di quegli stessi discorsi, di cui Cifariello Ciardi scoperchia le tecniche oratorie, i ritmi, i trucchi. Accolto in mostra con l'aura di una monumentalità ufficiale che trasuda dalla prima sala, tra ritratti dal possente bianco e nero, il visitatore più accorto deve scoprire il trucco. Quelle effigi più vere del vero di Fidel Castro e Papa Wojtyla, Hiroshi Sugimoto non le ha scattate dai soggetti reali, ma da sculture in cera. Non così per la Margaret Thatcher di Helmut Newton, ritratto celeberrimo e dalla sottesa inquietudine (tanto che la Lady di ferro non ne era proprio entusiasta), proveniente dalla National Portrait Gallery di Londra, come la serie, magnifica, in cui Annie Leibovitz ritrae la regina Elisabetta II, tutta intrisa della lezione della grande ritrattistica inglese, Joshua Reynolds in primis, o il ciclo 'Blair at War' di Nick Danziger, altra lezione di efficacia anti-retorica, che cattura la quotidianità di Blair all'alba dello scoppio della guerra in Iraq.

Ci sono i ritratti di tre amministratori delegati della Deutsche Bank, del duo Clegg & Guttmann, o Christoph Brech che, invece che il committente, riprende il suo yacht nelle acque di Venezia. Impietosa la messicana Daniela Rossell nella serie "Ricas e Famosas", arriva a punte di surreale poesia Martin Parr nel catturare frammenti di upper class in "Luxory". Riesce a spiazzare il cinese Wang Qingsong che, nel trittico fotografico "Past, Present and Future", ricostruisce con corpi veri sculture monumentali della retorica socialista. Ma i più tosti sono artisti come il collettivo francese Bureau d'etudes, nel progetto di mappare le correlazioni su scala globale tra potere politico e economico, o Trevor Paglen, che ricostruisce i movimenti top secret delle missioni della Cia. Per non parlare di Jules Spinatsch: nel suo "Temporary Discomfort" denuncia le trasformazioni della Maddalena nel mai avvenuto G8. Fino alla clamorosa iniziativa del collettivo The Yes Men, capace di mettere in crisi immagine e potere della multinazionale responsabile della catastrofe del Bhopal in India. Ovvero, quando l'arte torna al servizio del sociale.

Ritratti del potere. Volti e meccanismi dell'autorità
www.strozzina.org/ritrattidelpotere

Firenze, Centro di cultura contemporanea Strozzina,
Palazzo Strozzi, fino al 23 gennaio 2011

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da