House Ad
House Ad
 

Cultura-Domenica > Cinema

La tranquillità di un cuoco e l'inquietudine di un killer nella maschera di Toni Servillo

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 01 novembre 2010 alle ore 17:32.

Ancora una volta Toni Servillo fa da colonna portante di un film italiano di nuova generazione. Dopo le sue performance in Il divo e Gomorra, La ragazza del lago e il recentissimo Gorbaciof, dopo essersi calato nei panni di Mazzini in Noi credevamo di Mario Martone, Servillo è ora protagonista di Una vita tranquilla di Claudio Cupellini, in concorso al Festival del cinema di Roma, un thriller sui generis ambientato in una Germania asettica e immobile nella quale irrompono come mine vaganti due italiani venuti apposta dalla Campania a minacciare la tranquillità di un cuoco, Rosario, ovviamente Servillo, che dalla Campania era fuggito anni prima.

«Il film parte da un dato di cronaca legato al circuito di smaltimento dei rifiuti», racconta l'attore, che già in Gomorra aveva a che fare con il «problema monnezza». «Ma il cuore della storia è il rapporto fra un padre e i suoi due figli, e fra un uomo e il suo passato. Mi è piaciuto proprio poter raccontare due personaggi in uno: il Rosario che ha lasciato la sua terra, e un passato violento, e quello che si è rifatto una vita all'estero, reinventandosi la vita tranquilla del titolo. Sotto la bonomia del cuoco si nasconde un killer, e allo stesso tempo sul passato da killer il cuoco ha saputo costruire una nuova personalità, più conciliante e disponibile».

Ma non serena, anzi, sempre inquieta. «Ho visto assassini spietati che vivono in un regime di continuo spavento. Temono continuamente che il loro passato li riagguanti, e si nascondono in una serie di tane. Per Rosario, il rifugio sono anche le lingue diverse che parla: l'italiano, il dialetto e il tedesco».

E' stato difficile recitare in una lingua che non conosce? «Solo il 20% del film è in tedesco, e comunque non si tratta del monologo di Faust – non siamo certo in zona Goethe, insomma. La mia unica preoccupazione è stata quella di pronunciare le frasi in tedesco con l'intensità necessaria alle scene, che erano importanti nell'economia del film. Tutti i personaggi della storia hanno una grande eloquenza e forza simbolica, non è stato necessario esagerare nei toni, ma anzi, abbiamo lavorato a sottrarre».

Come sceglie i ruoli da interpretare?

L’articolo continua sotto

Tra denaro e solitudine The Social Network al Festival di Roma

Tra denaro e solitudine The Social Network al Festival di Roma

La storia di The Social Network, il film di David Fincher arrivato oggi come evento speciale al

Roma per Tognazzi

A 20 anni dalla scomparsa, il Festival capitolino omaggia Ugo: best of e il Ritratto della figlia Maria Sole. Mentre il primogenito Ricky porta Il padre e lo straniero

Roma apre con Keira

La Knightley inaugura in concorso il quinto festival capitolino con Last Night. La Kidman risponde con Rabbit Hole di John Cameron Mitchell

Tags Correlati: Campania | Claudio Cupellini | Gomorra | Libere professioni | Mario Martone | Nicole Garcia | Toni Servillo |

 

«Ho molta fiducia nel testo, cui aggiungo la capacità di intuire in un regista un orizzonte artistico e una qualità umana interessanti».
Pensa che questo ruolo le aprirà le porte del mercato internazionale? «Devo dire che alcuni miei film sono già noti all'estero, e di conseguenza mi arrivano sceneggiature anche da altri paesi: ad esempio ho appena finito di girare un film francese, Un balcon sur la mer, diretto da Nicole Garcia».
Le piace lavorare con una regista donna? «Moltissimo, è una delle ragioni per cui ho accettato quel ruolo. Credo che nelle arti sceniche le donne eccellano: pensiamo alla Duse, alla Bernhardt, alla Callas. E in ogni caso credo che le donne siano una guida e un faro, perché hanno una grande intelligenza del cuore e sanno sempre arrivare dritte al punto».

Trovo Cinema

Tutti i film

Tutti i cinema

Database del cinema

Film

Artisti

Tutto

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da