Il Sole 24 Ore
Stampa l'articolo Chiudi

Il mito dell'Italia nato in Gran Bretagna

Fernando Mazzocca


L'alta qualità delle opere esposte (tra cui spiccano molti dipinti di inattesa bellezza provenienti da prestigiose collezioni private), la raffinatezza dell'impostazione (dovuta all'impegno dei tre curatori Maria Teresa Benedetti, Stefania Frezzotti e Robert Upstone) e l'originalità dell'allestimento fanno di questa mostra aperta alla Galleria nazionale d'arte moderna di Roma certamente la più utile allestita su un tema – quello dei Preraffaelliti e la loro predilezione per l'Italia – che è ultimamente un poco inflazionato.
Il serrato dialogo tra le oltre cento opere esposte e i molti approfondimenti in un catalogo ricchissimo di illustrazioni rivelano, in un arco di tempo che va dagli anni Venti dell'Ottocento sino al primo decennio del secolo successivo, il ruolo svolto dagli ambienti artistici inglesi nella percezione dell'arte italiana tra il Medioevo e il Rinascimento.
È questo il periodo storico in cui vengono creati i grandi "miti" come quelli di Giotto, di Michelangelo, di Botticelli, di Tiziano, di Tintoretto, "miti" destinati, anche dopo il loro ridimensionamento da parte della storiografia successiva, a resistere a lungo nell'immaginario comune. In Inghilterra la passione per l'antica pittura italiana nasceva anche da una straordinaria consuetudine con la quantità di opere arrivate nell'isola a seguito della Rivoluzione francese e delle guerre napoleoniche. Londra continuerà a essere per tutto l'Ottocento il centro del mercato dell'arte antica, e mentre le collezioni private si moltiplicavano formandosi e disfacendosi, molti capolavori entravano definitivamente nei grandi musei pubblici nati tutti a metà del secolo, in particolare nella National Gallery. È qui, ancora prima di scendere in Italia, o magari senza andarci affatto, che gli artisti trovavano alimento e ispirazione alla loro creatività. Così Turner, ancor prima di recarsi a Venezia e a Roma, era già stato profondamente influenzato da Tiziano, da Veronese o da Salvator Rosa visti al museo. Una suggestiva sezione della mostra, dedicata ai dipinti antichi (presenti Giotto, Botticelli, Carpaccio, Giorgione, Perugino, Luini, Tiziano, Veronese, Tintoretto) indica l'importanza di questi incontri fatali. Anche se, spesso, il rapporto era mediato dalle riproduzioni. Grazie a tecniche sempre più sofisticate, le fotografie erano diventate sempre più fedeli e avevano conosciuto un formidabile incremento. Potevano sostituire la conoscenza diretta delle opere, preparare al viaggio in Italia oppure alimentare il ricordo di quello che si era avuto la fortuna di ammirare dal vero.
Dell'enorme quantità di riproduzioni disponibili, la mostra ha voluto puntare su un'ampia scelta di quelle che allora ebbero un'influenza decisiva, come ad esempio le serie che Carlo Lasinio dedicò agli affreschi – oggi in gran parte scomparsi – del Camposanto di Pisa, il monumento italiano forse più frequentato e ammirato dagli stranieri nell'Ottocento. Dante Gabriel Rossetti ha lasciato scritto: «Benozzo Gozzoli era un dio». E lo stesso si può dire per l'allora idolatrato Andrea Orcagna.
Altrettanto fondamentale, come dimostrano le bellissime tavole colorate esposte – realizzate con il procedimento innovativo della cromolitografia – fu la produzione dell'Arundel Society, o «Society for promoting the knowledge of Art» la quale, sostenuta dai collezionisti come il conte di Arundel o dal potente direttore della National Gallery Charles Eastlake, riuscì a diffondere in tutto il mondo (tra il 1848 e il 1897) l'immagine dei grandi cicli d'affreschi e dei capolavori degli antichi maestri.
Soprattutto su questi materiali, oltre che sui dipinti che gli fu possibile vedere in patria, si era formato un protagonista che come Rossetti, pur essendo d'origine italiana, non ha mai viaggiato nel nostro paese. Eppure tra i Preraffaelliti è stato quello che, insieme a Edward Burne-Jones, ha subito più di tutti il fascino non solo dell'arte ma anche della letteratura italiana. Egli ha saputo infatti creare, come documentano molto bene i dipinti esposti, un immaginario femminile che, mutato nel tempo, ha avuto un'enorme seguito sino a D'Annuzio che di lui e dei Preraffaelliti fu un grande ammiratore. Con un transfert, che ha un che di straordinario, Rossetti identificò sé e la moglie, Elizabeth Siddal, in Dante – di cui del resto egli portava in nome – e Beatrice. Creò, ispirandosi alla Vita Nuova e agli antichi affreschi del Camposanto, l'ideale della donna angelicata, per poi passare, sotto il nuovo influsso della pittura veneziana, a una visione assolutamente sensuale, pervasa di un erotismo spesso inquietante, come nel celebre dipinto Bocca baciata che, tratto da una novella di Boccaccio, inaugurava una «serie di fantasiosi titoli italianeggianti scelti per accrescere l'alone di fascino e di misteriosa sensualità che emana dalle immagini». Il contenuto erotico dei suoi nuovi quadri, di cui era ora protagonista la giovane amante Fanny Cornforth, inquietò non solo la moralista società vittoriana, ma anche il severo Ruskin, sostenitore e guida teorica dei Preraffaelliti, che accusò l'artista di «assoluta carenza di sentimento», così come contesterà a Burne-Jones la passione per la «carnalità nera» di Michelangelo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Rossetti,
Jones
e il nostro paese
La mostra «Dante Gabriel Rossetti, Edward Burne-Jones e il mito dell'Italia nell'Inghilterra Vittoriana» è aperta alla Galleria nazionale d'arte moderna di Roma (viale delle Belle Arti 131) fino al 12 giugno. La rassegna è curata da Maria Teresa Benedetti, Stefania Frezzotti, Robert Upstone. L'allestimento
è stato realizzato da Federico Lardera.
Il catalogo è edito
da Electa.
Per informazioni:
tel. 0632298221, www.gnam.beniculturali.it.