Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 02 agosto 2013 alle ore 16:45.

My24
I giganti di David Williams-Ellis hanno un'anima italiana - Foto

E' un artista britannico ma dall'anima italiana. David Williams-Ellis, uno degli scultori piú apprezzati a livello internazionale, é stato marchiato a fuoco dalla sua formazione in Italia e continua a trarre ispirazione, afferma, "dagli anni passati a studiare le sculture etrusche, greche e romane nei musei della Penisola."
Williams-Ellis scolpisce molti animali e uccelli, ma é la forma umana a interessarlo sopra ogni cosa, conseguenza, dice, "del mio apprendistato classico italiano".

Nato in Irlanda del Nord, ha studiato a Firenze presso Nerina Simi, ha lavorato come apprendista a Pietrasanta, imparando a scolpire il marmo di Carrara, e poi ha completato gli studi a Londra e si considera artista figurativo nella tradizione classica.
Come Michelangelo che chiedeva alla statua appena finita "perché non parli?", Williams-Ellis dice che "le mie statue devono vivere e respirare, devono avere una propria energia e movimento, devono creare nuove sensazioni ogni volta che le si guarda. Le sculture riuscite sono quelle che ti danno sempre qualcosa di diverso."

Spesso l'artista invece di modelli statici chiede ad atleti ed acrobati di fare salti mortali e acrobazie nel suo studio per osservare e riprodurre "l'essenza dei loro movimenti."
Il maturare della sua arte ha portato Williams-Ellis a creare sculture dalle dimensioni sempre maggiori, al punto che, dice, "le mostre diventano difficili da un punto vista logistico. Anche le piccole sculture che creo sono solo idee o bozzetti per sculture grandi. Per fortuna ora i media digitali hanno reso molto piú accessibile l'arte, aprendola a un pubblico globale. Il mio sito é la mia galleria."

Il bronzo é il suo materiale preferito, anche per le variazioni che si possono dare alla superficie sperimentando con diverse patine e diverse reazioni chimiche, ma lo scultore ha lavorato anche con il vetro e ultimamente l'argento, "la cui superficie ha bisogno di essere trattata in modo molto diverso dal bronzo". Le sue statue, a parte le collezioni private, adornano edifici pubblici come la straordinaria sequenza di "Saltatori" all'interno dell'International Finance Centre di Shanghai, che vogliono rappresentare il dinamismo dell'ufficio, o "L'osservatore" a Hong Kong, che al contrario é una figura singola e statica, un uomo contemplativo e solitario circondato dalle folle sempre in movimento della cittá asiatica.

Williams-Ellis é molto interessato al dialogo tra scultura e architettura, a come un edificio puó incorniciare un'opera d'arte e una scultura a sua volta arricchire e completare un palazzo. "La mia commissione ideale sarebbe creare una teoria di figure gigantesche che fanno i salti mortali tra due bellissimi edifici contemporanei."
www.dwe.com

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi