Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 04 aprile 2014 alle ore 11:21.

My24
(Afp)(Afp)

Il manoscritto de "Le 120 giornate di Sodoma" che il marchese de Sade scrisse nella prigione della Bastiglia nel 1785, a lungo conteso tra Svizzera e Francia, è stato acquistato per 7 milioni di euro da Gerard Lheritier, presidente e fondatore del Museo delle lettere e dei manoscritti di Parigi, una collezione privata.
«Questo manoscritto eccezionale, rubato nel 1982, venduto e quindi conteso tra due famiglie, è infine ritornato in Francia dopo una storia rocambolesca», spiega Lheritier.

Quest'opera autografa mitica del divin marchese, catalogo di perversioni sessuali di una violenza inaudita (ha ispirato il film di Pasolini "Salò o le 120 giornate di Sodoma" del 1975) in stato di conservazione perfetta - è una lunga pagina composta da fogli incollati insieme che andava arrotolata per essere meglio nascosta - diventa uno dei tre manoscritti più costosi conservati in Francia.

È stato assicurato per 12 milioni di euro dai Llyods.
La Francia celebra quest'anno con una serie di iniziative culturali il marchese de Sade, nato Donatien Alphonse François de Sade, nel bicentenario della morte, avvenuta in prigione il 2 dicembre 1814, a 74 anni

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi