Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo Ŕ stato pubblicato il 09 gennaio 2015 alle ore 16:09.
L'ultima modifica Ŕ del 09 gennaio 2015 alle ore 16:40.

My24
Svetlana Zakharova (Pierluigi Abbondanza)Svetlana Zakharova (Pierluigi Abbondanza)

╚ prima ballerina Útoile al Bol'šoj di Mosca e alla Scala di Milano con un contratto che la lega al nostro Paese dove la si vede spesso in coppia con Roberto Bolle. Ma Ŕ contesa da tutti i maggiori teatri del mondo. La sua ascesa nel firmamento di Tersicore Ŕ stata folgorante. Dai primi passi in una scuola di danza in una cittadina sconosciuta dell'Ucraina dove Ŕ nata, cresciuta poi alla disciplina della scuola di Kiev, Ŕ quindi approdata nei sacri templi del balletto russo: ovvero il Teatro Mariinsky di San Pietroburgo prima, e il Bolshoi di Mosca dopo. Qui Svetlana Zakharova Ŕ divenuta prima ballerina Útoile, diventando una delle pi¨ quotate interpreti a livello mondiale della danza classica.

Con quelle gambe lunghe e flessuose intreccia bellezza, eleganza e perfezione tecnica in un corpo di un metro e 70 centimetri, altezza inconsueta per una danzatrice. Vederla in scena, nel ruolo di Giselle o di Giulietta, o del Cigno, o di Bayadera, con quell'inconfondibile tecnica caratterizzata da punte smaglianti e leggerezza, ha l'effetto mozzafiato. ╚ da non perdere, quindi, l'occasione di vederla danzare nel gala “Les Útoiles” in programma all'Auditorium Conciliazione di Roma, il 10 e 11 gennaio, in coppia col collega Mikhail Lobukhin e in un assolo dell'acclamata coreografa giapponese Motoko Hirayama, “Revelation”.

Organizzato e prodotto da Daniele Cipriani Entertainment, lo spettacolo prevede, come da titolo, un cast stellare, con la presenza di altri nomi illustri del firmamento ballettistico mondiale. Dal Bol'šoj i russi Mikhail Lobukhin, Anastasia Stashkevich e Vyacheslav Lopatin; dal londinese Royal Ballet la coppia di sudamericani Marianela Nu˝ez e Thiago Soares, lei argentina e lui brasiliano, e marito e moglie nella vita; e, infine, dall'Hamburg Ballet di John Neumeier, una delle coppie pi¨ amate della danza internazionale: Silvia Azzoni e Aleksandre Ryabko, italiana lei, di Torino, e ucraino lui, di Kiev.

Una carriera intensissima la loro, nelle fila della celebre compagnia di Amburgo dove si sono conosciuti e poi sposati. Tredici anni insieme, di cui sette di matrimonio, e con una bambina di due. Invitati ovunque a rappresentare lo stile di Neumeier, insieme sprigionano musicalitÓ e poesia, razionalitÓ e istinto, fluiditÓ di movimento e rigore assoluto, elementi tutti che nascono da una dialettica interiore, da una sintonia umana e artistica che arriva a regalarci forti emozioni. A Roma li vedremo interpretare due coreografie molto diverse: “Shall We Dance?” sulle note di Gershwin e ispirato alle atmosfere del musical americano, e la “Terza sinfonia” di Gustav Mahler. Altri celebri passi a due, tratti dai balletti pi¨ conosciuti, costelleranno il gala. Di Marius Petipa “Lo Schiaccianoci”, “Il Lago dei Cigni”, “Don Chisciotte”, “Il Corsaro”, e il meno noto pas de deux tratto da “Il Talismano”, balletto dall'ambientazione esotica creato da Petipa al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo nel 1889.

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi