Domenica

Ritrovati in Ucraina i 17 dipinti rubati al museo di Verona: tra i…

  • Abbonati
  • Accedi
valore oltre 16 milioni di euro

Ritrovati in Ucraina i 17 dipinti rubati al museo di Verona: tra i capolavori Tintoretto, Rubens, Mantegna

Jacopo Tintoretto, Banchetto di Baltassar (olio su tavola)
Jacopo Tintoretto, Banchetto di Baltassar (olio su tavola)

Da Tintoretto a Rubens, Mantegna, Pisanello. Sono stati recuperati in Ucraina i 17 dipinti di grande valore che erano stati trafugati dal museo di Castelvecchio a Verona, la sera del 19 novembre 2015. Lo ha reso noto il comandante della polizia di frontiera ucraina, Viktor Nazarenko. I quadri sono stati ritrovati il 6 maggio nella regione di Odessa e stavano per essere portati in Moldavia.

Tra le opere, undici capolavori come la bellissima “Madonna della Quaglia” del Pisanello e la “Sacra famiglia con una santa” di Andrea Mantegna. Vi sono anche capolavori di Peter Paul Rubens, di Jacopo Bellini, di Giovanni Francesco Caroto, di Hans de Jode . Il valore delle opere trafugate, secondo una prima stima della direzione del museo di Castelvecchio, è di oltre 16 milioni di euro.

L'elenco delle tele rubate comprende anche cinque dipinti del Tintoretto. Si tratta di “Madonna allattante”, “Trasporto dell'arca dell'alleanza”, “Banchetto di Baltassar”, “Sansone” e “Giudizio di Salomone”. Le altre opere rubate sono: “Dama delle licnidi” di Peter Paul Rubens, la “Sacra famiglia con una santa” di Andrea Mantegna, “Ritratto maschile” della cerchia di Jacopo Tintoretto; “Ritratto di ammiraglio veneziano” della Bottega di Domenico Tintoretto; “Madonna della quaglia” del Pisanello, “San Girolamo penitente” di Jacopo Bellini, “Ritratto di giovane con disegno infantile” e “Ritratto di giovane benedettino” di Giovanni Francesco Caroto, “Porto di mare” di Hans de Jode e “Ritratto di Girolamo Pompei” di Giovanni Benini.

Secondo la polizia ucraina, le opere erano state portate nella regione di Odessa per sottrarle alle ricerche in corso in Moldavia e per essere poi vendute in Ucraina e in Russia. Le tele - scrive la Tass - sono state spedite in Ucraina usando i “trasporti postali internazionali” e sono state rinvenute sull'isola di Turunciuk, sul fiume Dnestr, vicino alla Transnistria. I quadri erano nascosti tra folti cespugli verdi e chiusi in sacchi di plastica.

«Questi quadri sono le stelle del museo Castelvecchio di Verona», ha detto il presidente ucraino Petro Poroshenko complimentandosi con le forze dell'ordine della repubblica ex sovietica per aver ritrovato le opere rubate. Il 7 maggio una perizia ha confermato l'autenticità delle opere.

Alcuni arresti sono stati eseguiti dalla Polizia ucraina nell'ambito delle indagini che hanno portato al recupero dei 17 dipinti. Lo si apprende da fonti vicine alle indagini. «Il risultato finale - ha detto un investigatore - non è un caso. Non abbiamo mai lasciato il territorio ucraino e moldavo». Non è noto il numero delle persone arrestate.

© Riproduzione riservata