Domenica

Il made in Roma ai tempi di Augusto in mostra al museo dei Fori Imperiali

  • Abbonati
  • Accedi
ai mercati di traiano

Il made in Roma ai tempi di Augusto in mostra al museo dei Fori Imperiali

L'antica Roma aveva i suoi brand, veri e propri marchi di produzione (bolli, loghi, timbri, firme) per contrassegnare tutti i manufatti dell'epoca: anfore, botti, tessuti, laterizi, vetri, piatti e lucerne. E anche per identificare i soldati, marchiati a pelle con i signa della legione di appartenenza, gli schiavi distinti con i collari, i condannati per calunnia segnati con una K sulla fronte. Sui proiettili, le fabbriche specializzate incidevano, oltre al proprio nome, le ingiurie al nemico. Lo racconta la mostra archeologica “Made in Roma. Marchi di produzione e di possesso nella società antica”, al museo dei Fori Imperiali nei Mercati di Traiano, fino al 30 novembre.

Il Made in Roma ai tempi di Augusto
Era il Made in Roma ai tempi di Augusto, quando l'impero, ormai pacificato, riorganizzava i confini, estendeva la cittadinanza e ampliava gli scambi: fiorivano botteghe, aziende, corporazioni, artigiani, trasporti, strade. Fra impresari e commercianti si aprivano un varco le donne, imprenditrici nel comparto alimentare, in quello tessile ma anche negli stabilimenti di laterizi.

Tracciabilità di medicamenta e marmi
Sui medicamenta venivano apposti marchi e iscrizioni che attestavano l'autenticità e l'efficacia dei farmaci, con il nome del medico o del preparatore scritto sui contenitori. I marmi, estratti e sbozzati in cava, erano totalmente tracciabili: sui blocchi veniva indicato il numero progressivo (N), il settore di provenienza (locus o brachium), il nome della squadra che si era occupata della lavorazione (officina o caesura).

La mostra ai Mercati di Traiano
La mostra ricostruisce la storia di simboli, segni e marchi, «portatori comunicativi di un impero culturale prima che commerciale», spiega Claudio Parisi Presicce, Sovrintendente capitolino ai Beni Culturali che ha ideato l'iniziativa, curata da Lucrezia Ungaro, Marina Milella e Simone Pastor. Di Zetema Progetto Cultura, l'organizzazione.

Reperti dalle città dell'Impero
I reperti provengono da prestigiosi musei romani e internazionali, da quelle città che ai tempi dell'Impero erano ricche di officine in cui lavoravano fornaciai, vasai, artigiani del ferro e del vetro, come Colonia (Römisch-Germanisches Museum der Stadt Köln), Spalato (Arheološki muzej u Splitu), Aquileia (Museo Archeologico Nazionale di Aquileia).

I brand contemporanei
L'esposizione ricostruisce un antico e fiorente mondo produttivo e commerciale, un intero sistema di comunicazione che codificò l'identità romana. Per arrivare, alla fine del percorso, ai brand contemporanei: i marchi di forma dei primi prodotti artigianali, il design del logo industriale, l'utilizzo della forma del prodotto come veicolo di memoria del suo creatore.

Made in Roma. Marchi di produzione e di possesso nella società antica
Fino al 30 Novembre
Mercati di Traiano - Museo dei Fori Imperiali
Via Quattro Novembre 94 - Roma
www.mercatiditraiano.it - www.zetema.it

© Riproduzione riservata