Domenica

Si alza il sipario sul Festival di Locarno 2016

  • Abbonati
  • Accedi
CINEMA

Si alza il sipario sul Festival di Locarno 2016

Svelato il programma del Festival di Locarno 2016: in programma dal 3 al 13 agosto, la manifestazione svizzera presenta un cartellone ricco di pellicole d'autore e titoli particolarmente attesi.
Gi annunciata prima della conferenza stampa la presenza di due “grandi vecchi” che hanno fatto la storia della settima arte: l'americano Roger Corman, che sar ospite d'onore della Filmmakers Academy, e il cileno Alejandro Jodorowsky che verr omaggiato con il Pardo d'onore e di cui verranno mostrati diversi film (compreso l'ultimo Poesia sin fin, presentato all'interno della sezione Quinzaine des Ralisateurs dello scorso Festival di Cannes).

E, a proposito di storia del cinema, da segnalare che l'edizione di quest'anno stata dedicata dal direttore Carlo Chatrian a due grandi cineasti da poco scomparsi: l'americano Michael Cimino e l'iraniano Abbas Kiarostami (a quest'ultimo verr anche tributato un omaggio nel corso della rassegna).
Per quanto riguarda il cartellone, la serata d'apertura in Piazza Grande affidata a The Girl With All the Gifts di Colm McCarthy, atteso thriller-horror con protagoniste Gemma Arterton e Glenn Close.

Nella magica cornice della Piazza, si potr assistere anche a Jason Bourne, nuovo capitolo della saga con Matt Damon diretto da Paul Greengrass, I, Daniel Blake di Ken Loach, vincitore della Palma d'oro all'ultimo Festival di Cannes, The Tunnel di Kim Seong-hun, Moka di Frdric Mermoud, con protagoniste Nathalie Baye e Emmanuelle Devos, e al film di chiusura Mohenjo daro di Ashutosh Gowariker.

Menzione speciale per la proiezione di Am Tag als der Regen Kam (conosciuto in Italia con il titolo Il diavolo uccide cos), film del 1959 diretto dal tedesco Gerd Oswald che sar protagonista durante la serata di domenica 7 agosto.
In concorso, in lizza per il Pardo d'oro, O ornitlogo di Joo Pedro Rodrigues, Scarred Hearts di Radu Jude, Godless di Ralitza Petrova, Wet Woman in the Wind di Akihiko Shiota, Correspondncias di Rita Azevedo Gomes e Brooks, Meadows and Lovely Faces di Yousry Nasrallah. La giuria della competizione sar composta da Arturo Ripstein (presidente), Kate Moran, Rafi Pitts, Rodrigo Teixeira e Wang Bing.

La sezione Cineasti del presente (il cui presidente della giuria sar Dario Argento) verr aperta dall'ultimo lavoro del regista e videoartista Douglas Gordon, I Had Nowhere to Go, con protagonista il grande autore lituano Jonas Mekas, mentre all'interno della rassegna Signs of Life trova spazio Beduino, il nuovo lungometraggio del maestro brasiliano Jlio Bressane, autore gi premiato a Locarno nel 2013 per Educao sentimental.
Fuori concorso, invece, trova spazio anche qualche titolo italiano – La natura delle cose di Laura Viezzoli e L'amatore di Maria Mauti – a cui si aggiunge il nuovo film (di produzione francese) di Valeria Bruni Tedeschi, Une jeune fille de 90 ans, realizzato insieme a Yann Coridian.

Da segnalare, infine, altri tre premi importanti: il Pardo alla carriera a Mario Adorf, l'Excellence Award Mot & Chandon all'attore Bill Pullman e il Vision Award a Howard Shore, grande compositore, vincitore di tre premi Oscar (ottenuti per le partiture della trilogia de Il signore degli anelli di Peter Jackson).

Festival del Film di Locarno
3-13 agosto

© Riproduzione riservata