Domenica

2/4 Week end di mare/ Alla scoperta di Conca dei Marini in costiera…

  • Abbonati
  • Accedi
    La gita fuori porta

    4 idee da vivere nel week end

    Mare che non delude sulle spiagge di Chia in Sardegna e tra le rocce della Costiera Amalfitana. Sul Lago di Como per LakeComoFestival e fino al 14 agosto Calici sotto le stelle in 500 comuni

    2/4 Week end di mare/ Alla scoperta di Conca dei Marini in costiera Amalfitana, terzo borgo più bello d'Italia

    Alla scoperta Conca dei Marini, piccolo e incantevole paese della Costiera Amalfitana, terzo borgo più bello d’Italia: lo ha stabilito il recente concorso «Borgo dei Borghi», promosso dalla trasmissione televisiva Rai «Kilimangiaro». Conca, che fra l’altro risulta curiosamente il quarto comune più piccolo d’Italia, è veramente uno scrigno di grandi e piccoli tesori inaspettati: ambientali, artistici e tradizionali. Che sia un borgo di bellezza potente ma discreta se ne erano già accorti molti personaggi famosi, che lo hanno amato e frequentato: dal re del teatro Eduardo De Filippo alla principessa Margareth d’Inghilterra, a Jacqueline Kennedy che amava fare il bagno nelle acque cristalline del suo mare. E poi il poeta Alfonso Gatto che, nella sua casa nel cuore del borgo, scrisse i suoi ultimi versi, fino alla famiglia Chandon del famoso Champagne.

    Molti di questi personaggi hanno alloggiato al Monastero Santa Rosa Hotel & Spa, albergo di lusso che invita a scoprire questo borgo. Ricavato dall’attenta ristrutturazione del complesso architettonico più imponente del paese, il Convento seicentesco delle Monache Domenicane, l’hotel è costruito su un’altissima scogliera a picco sul mare..

    Per gli ospiti del Santa Rosa la visita alle bellezze di Conca dei Marini può rivelarsi un’esperienza ricca di sorprese, organizzata taylor made dal concierge. In barca, dal mare, si abbracciano in un sol colpo d’occhio il borgo e l’alta scogliera che lo sovrasta. La costa è punteggiata da un susseguirsi di piccole baie coronate da spiaggette da cartolina, in cui è incastonata la Grotta dello Smeraldo, famosa per le sue concrezioni e i giochi di luce nell’acqua. Il borgo marinaro si percorre invece a piedi, fra ripidi sentieri e strette scalinate. Meritano una visita le tante chiese, ad iniziare da quella di San Pancrazio, la più famosa. Dal sacro al profano: nel Campo degli Ulivi, nella parte alta del borgo, rivive la leggenda delle Janare, donne-streghe che nel Sedicesimo secolo di notte si trovavano in questo luogo circondato da magia per preparare pozioni d’amore e lanciare «fatture». Da non perdere anche le visite nelle antiche limonaie del paese e dove si può fare un tour guidato con degustazione di varie tipologie di limoni e prodotti derivati come il famoso Limoncello. A chi può permetterselo non resta che prenotare. Magari regalandosi un magico week end fuori stagione.

    © Riproduzione riservata