Domenica

Rima

  • Abbonati
  • Accedi
Letteratura

Rima

Ma la parola « tempo »
Con che cosa fa rima?
Veramente con niente

Parola ultima e prima
Che nessun'altra mima
Perfetta al singolare

Solo a se stessa uguale
Si lascia riecheggiare
Solo quand'e` plurale

Appena metti « tempi »
Ti vengono gli esempi
Con cui il discorso adempi

O riempi d'empi scempi
Gli stupefatti orecchi
Dei giovani e dei vecchi

E questo non è strano
Nel nostro mondo umano
Se l'unita` si spezza

Che doppia appaia o mezza
La insegui negli specchi

Sfere

Il tempo è fatto a strati
Più o meno numerati
Come le Dolomiti

O la città di Troia
O al pari della noia
E delle stalattiti

Si realizza in gocce
Di rallentate docce
Oppure cresce a sfere

Come l'ambra dei pini
Che ingloba moscerini
Farfalle rose intere

Storie

Li vedi quei soffioni
All'ombra buoni buoni?
Sono il tempo che aspetta
Di diventare eventi
Rotondità perfetta
Che vagherà in frammenti

© Riproduzione riservata