Domenica

Morgan: «Il Premio Tenco è quello che i talent non potranno mai…

  • Abbonati
  • Accedi
musica

Morgan: «Il Premio Tenco è quello che i talent non potranno mai essere»

«Per me è stato il musicista italiano più moderno, se parliamo di testi». Così Marco Castoldi, in arte Morgan, scriveva alcuni anni fa di Luigi Tenco. Lo ha studiato, cantato, indagato non solo musicalmente. Ha voluto capirne le canzoni, la psicologia e il disagio che nel gennaio 1967 lo portò al suicidio a Sanremo. E adesso a Sanremo Morgan ci torna proprio nel nome di Luigi Tenco: sarà lui, insieme con lo storico presentatore Antonio Silva, a condurre la 42esima edizione del Premio Tenco, in programma dal 18 al 20 ottobre al Teatro Ariston di Sanremo.

In linea con la decisione del Club Tenco di dedicare al tema «Migrans - Uomini, idee, musiche» tutte le iniziative del 2018, anche le scelte artistiche della Premio 2018 vanno in questa direzione: lo dimostrano i nomi dei cantanti che si esibiranno all’Ariston: Zucchero, Adamo, Elisa, Motta, Mirkoeilcane Lo Stato Sociale, Willie Peyote e molti altri, tra cui anche Neri Marcorè ed Edoardo De Angelis.

«Il titolo Migrans - ha spiegato in una nota il responsabile artistico del Club Tenco, Sergio Secondiano Sacchi - fa riferimento non soltanto all’ineludibile tema dei flussi migratori, ma a tutto ciò che riguarda l’attraversamento di confini: temporali, geografici, linguistici, culturali, musicali».

Asia Argento fuori da X Factor dopo prime puntate

Morgan torna all’Ariston ma spiega che «Questi giorni di ottobre a Sanremo sono molto diversi da quelli di febbraio, qui si conserva il sogno. Il Premio Tenco è tutto quello che un talent non riuscirà mai a essere e che desidera disperatamente: raggiungere la verità della musica dove maestro e allievo collaborano, dove le questioni economiche non si antepongono a quelle artistiche, dove si scoprono veri nuovi talenti».

Il riferimento neanche troppo velato è a XFactor, talent show del quale è stato giudice entusiasta e poi feroce critico («Non mi ha fatto bene l’averlo fatto», ha detto poi).

Ecco il programma dell’evento:
Giovedì 18 ottobre. Ad aprire la Rassegna della canzone d’autore sarà Elisa, poi a calcare il palco dell’Ariston sarà il Premio Tenco 2018 Zucchero che si esibirà con L’orchestra giovanile di Sanremo, e poi la coppia Neri Marcorè & Edoardo De Angelis, il duo Papìa & Capurso nel “simposio” tra la chitarra flamenca 7 corde e all’inedita doppia chitarra elettrica 7 corde. Tra le “migrazioni” di trasversali aree musicali si potrà assistere all’esibizione de Lo Stato Sociale per chiudere poi con l’artista siculo-belga Sighanda. Interverranno anche David Riondino e Enrico Rustici.
Venerdì 19 ottobre sarà la volta di Simone Cristicchi, la giovane cantautrice Giua e poi Alessio Lega che canterà anche un brano con Frolova. Arriveranno poi la cantante Tosca, la musica di confine di Davide Van De Sfroos e una delle figure più interessanti e innovative attuali dell’hip pop made in Italy, Willie Peyote. Nella stessa serata il fondatore dell’associazione Slow Food, Carlo Petrini ritirerà il Premio Tenco operatore culturale.
Sabato 20 ottobre sul palco salirà l’altro Premio Tenco 2018, Adamo, seguito da Pippo Pollina e tutti i vincitori delle Targhe Tenco 2018: Motta (Disco in assoluto), Giuseppe Anastasi (Opera prima), Mirkoeilcane (Canzone singola), Fabio Cinti (Interprete di canzoni), Francesca Incudine (Album in dialetto) e un rappresentante di Voci per la libertà / Una canzone per Amnesty (Album a progetto).

© Riproduzione riservata