Cultura

Fantastic Negrito, la black music che non muore mai

  • Abbonati
  • Accedi
Musica dal vivo

Fantastic Negrito, la black music che non muore mai

Fantastic Negrito torna a esibirsi dal vivo a Milano
Fantastic Negrito torna a esibirsi dal vivo a Milano

Avviso speciale per tutti gli appassionati di Black Music: la settimana della musica dal vivo porta con sé un regalo, un’occasione da cogliere, un’esperienza da vivere senza se e senza ma. Torna a queste latitudini Fantastic Negrito, artista che amate già o imparerete presto ad amare: due date, per lui, al Santeria Social Club di Milano, domenica 11 e lunedì 12 novembre. Blues? C’è del blues nella sua musica: elettrico, come quello della scuola di Chicago. Soul? Sì, in quella caratteristica consapevolezza che tiporta a cantare, ogni volta che devi, come fosse l’ultima. Funky? Pure. E certe volte persiono hard rock.

L’uomo che disse di no alla carriera di rockstar
Ottavo di quattordici figli, talentoso chitarrista fin da adolescente e vittima di un incidente d’auto che sembrava dovesse compromettergli la carriera e la vita, Fantastic Negrito è risorto più volte dalle sue stesse ceneri, come fosse una specie di araba fenice dell’orgoglio black. Bluesman di razza, con sconfinamenti nel rock che ricordano il sound del primo Lenny Kravitz, Xavier Dphrepaulezz (questo il suo vero nome) mette in ogni pezzo un pezzo della sua storia, quella di un musicista di Oakland che, scoperto dal manager di Prince Joe Ruffalo (e si sente), ha avuto la possibilità di firmare un contratto milionario con una major ma ha deciso di mollare tutto. Dopo anni di gavetta, facendo la spalla di band come Arrested Development, De La Soul, Fugees, Fantastic Negrito ha incantato tutti durante gli opening dei concerti di Chris Cornell e durante i suoi primi show da headliner.

Blues sì, ma a modo suo
La sua musica mette in risalto la prudenza e lo spazio tra slide guitar, batteria e pianoforte. Piuttosto che rivisitare i modelli di mostri sacri del blues come Lead Belly e Skip James, Fantastic Negrito costruisce con loro un ponte verso un suono moderno, utilizzando loops e samples dei suoi strumenti live. Qualcosa di simile a quello che ha saputo fare Dan Auerbach con i Black Keys, per esempio. Come in un romanzo di formazione, il vero successo arriva solo nel 2015, quando vince il Npr Tiny Desk Contest e il suo Ep arriva al primo posto nelle classifiche blues tra Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania e Asia.

Gli ultimi giorni di Oakland
Nel 2016 è uscito l’album della consacrazione, The Last Days of Oakland, con il quale ha vinto il Best Contemporary Blues Album alla 59esima edizione dei Grammy e ha accompagnato Chris Cornell in tour in Nord America e Europa. Il grande salto internazionale arriva comunque con Please Don’t Be Dead (2018), disco totalmente autoprodotto, centrato sui temi sociali che al momento preoccupano di più l’artista. «Ho scritto questo album perché sono preoccupato per la vita dei miei fratelli neri», ha raccontato Fantastic Negrito che alle ultime elezioni presidenziali negli Usa ha sostenuto la candidatura di Bernie Sanders. «Ho paura per le vite delle mie sorelle, sono preoccupato circa il loro futuro».

Flaming Lips e Nothing But Thieves
Tra le proposte rock della settimana della musica dal vivo, spicca il ritorno dei Flaming Lips, band americana di culto assoluto che ormai dalla metà degli anni Ottanta continua a predicare il verbo della psichedelia. Gustosissimo Oczy Mlody, album risalente all’anno scorso in cui hanno amorevolmente giocato con l’estetica di Arancia Meccanica. Ne eseguiranno di nuovo i pezzi all’Alcatraz di Milano, mercoledì 14 novembre. Poi ci sono gli inglesi Nothing But Thieves che, dopo essere stati in tour senza sosta e aver pubblicato un anno fa l’album Broken Machine, tornano con il nuovo Ep What Did You Think When You Made Me This Way?, prodotto da Jim Abbiss (Artic Monkeys, Kasabian, Adele) e mixato da David Sardy (Catfish & The Bottlemen, Oasis, Noel Gallagher, Royal Blood). Si esibiranno sabato 10 novembre al Fabrique di Milano.

© Riproduzione riservata