Cultura

L’Iran bello e disperato di Jafar Panahi

  • Abbonati
  • Accedi
La videoclip in esclusiva di «tRe volti»

L’Iran bello e disperato di Jafar Panahi

  • – a cura della Redazione della Domenica

Al regista iraniano Jafar Panahi è vietato far cinema in Iran, e non può nemmeno uscire dal suo Paese, anche se i suoi film puntualmente vengono presentati, in sua assenza, in tutti i maggiori festival cinematografici. Tre anni fa aveva vinto l’Orso d’oro al Festival di Berlino con «Taxi Teheran» e nel maggio scorso aveva presentato in concorso «Tre Volti», oggi nelle sale. Ha girato questi due film in semi clandestinità, come anche i precedenti «This Is Not a Film», «Closed Curtain».

La storia è imperniata su un videomessaggio, indirizzato all’attrice Behnaz Jafari, volto molto noto agli spettatori e i telespettatori iraniani, in cui una ragazza, Marziyeh Rezaei racconta la sua disperazione: sta per compiere un gesto esiziale perché la famiglia le proibisce di frequentare il corso di teatro dopo aver passato la selezione. Jafari costringe Panahi a seguirla nel cuore del Paese per scovare la ragazza e salvarla. Il viaggio è un’occasione per parlare dell’arretratezza e dei bisogni dell’Iran, ma anche della ricchezza millenaria della sua cultura e la sua intensa umanità.

Su «Domenica» 2 dicembre la recensione di Roberto Escobar.

© Riproduzione riservata