Cultura

Tornano i Prodigy: «Niente turisti»

  • Abbonati
  • Accedi
Musica dal vivo

Tornano i Prodigy: «Niente turisti»

I Prodigy tornano con due date a Livorno e Rimini
I Prodigy tornano con due date a Livorno e Rimini

I turisti non sono ammessi. No turists: si chiama così il settimo album dei Prodigy che, una manciata di settimane fa, ha rotto un silenzio discografico durato tre anni. Qualche assaggio del nuovo corso lo si è avuto la scorsa estate all’«Home Festival» di Treviso. Adesso arrivano due occasioni per apprezzare l’opera dell trio britannico autore di pietre miliari della musica elettronica come Voodoo People, Smack My Bitch Up e Firestarter, simbolo del big beat e della «rave generation» anni Novanta. Il 30 novembre faranno tappa al Modigliani Forum di Livorno, mentre l’1 dicembre saranno allo Rds Stadium di Rimini.

Lily Allen, figlia d’arte pop
Se vi piace il pop, più probabile che andiate a trovare Lily Allen al Circolo Magnolia di Segrate, domenica 2 dicembre. È una delle artiste inglesi più celebri a livello internazionale. Nata a Londra nel 1985, Lily è figlia dell’attore e musicista gallese Keith Allen e della produttrice cinematografica Alison Owen. Grazie alla pagina MySpace – su cui inizia a pubblicare diverse demo, tra cui Ldn e due mixtape che in poche settimane riscuotono molto successo – riesce ad attirare l’attenzione di pubblico e addetti ai lavori e realizza un disco con la Regal Records alla fine del 2005. Nel 2006 Lily Allen pubblica l’album Alright, Still che raggiuge la seconda posizione della classifica Inglese. Nel disco sono inclusi numerosi singoli, quali Smile, che debutta al vertice della classifica del Regno Unito. A giugno scorso risale invece No Shame, suo quarto album anticipato dalle ballad Three e Higher, pubblicate a marzo. Mood più intimo, romantico se volete: lo stesso che porterà sul palco nella data lombarda.

L’eredità dei Dire Straits
Ultime date per il tour italiano dei Dire Straits Legacy, formazione che raccoglie l’eredità dei Dire Straits, band fondata da Mark Knopfler che, tra la fine degli anni Settanta e gli Ottanta, fece la storia del rock easy listening. Il 3 dicembre si esibiranno al Teatro Sistina di Roma, mentre il 5 dicembre saranno all’Europauditorium di Bologna. Dopo il recente ingresso in qualità di bassista di Trevor Horn - uno dei più rinomati produttori della sua generazione e una vera leggenda dell’industria musicale. anche grazie alle sue storiche collaborazioni con gli Yes e i Buggles di Video Killed the Radio Star -, la line-up di questo tour è formata dai componenti storici Alan Clark (tastiere, hammond e cori), che lo scorso 14 aprile si è recato a Cleveland per ritirare l’ambito riconoscimento della Rock and Roll Hall of Fame come storico membro dei Dire Straits, Danny Cummings (percussioni e cori) e Phil Palmer (chitarre), assieme al prodigioso Steve Ferrone (batteria) e agli italiani Marco Caviglia (voce e chitarra) e Primiano DiBiase (tastiere).

© Riproduzione riservata