Cultura

Il giovane Verdi combatte nell’«Attila»

  • Abbonati
  • Accedi
teatro alla scala

Il giovane Verdi combatte nell’«Attila»

La forza morale di Verdi - e Attilane è un esempio - si unisce all’efficacia dell’espressione artistica nei suoi melodrammi, esemplari sotto ogni punto di vista. Non si tratta solo di narrazioni commoventi, ma di opere formative, il cui eroismo romantico ha costituito nell’Ottocento risorgimentale un modello su cui meditare ancora oggi. Quanto di buono ha lo spirito italiano, lo deve anche in buona parte a Verdi, che va seguito e studiato anche nel percorso artistico, pieno di valori che vanno regolarmente ripensati.

Lo studio delle opere giovanili mi affascina fin da quando ero ragazzo. Di Attilaesisteva un’analisi del critico Massimo Mila, che l’aveva studiato al pianoforte, perché in quel tempo non ce n’era ancora una registrazione. Lui tendeva a criticarla, penso per polemizzare con gli studiosi che esaltavano il Verdi giovane, il Verdi delle cabalette, a scapito di quello maturo di Otello e Falstaff. Non ero d’accordo con lui, perché tendevo a cogliere valori musicali che secondo me gli sfuggivano, non potendolo ascoltare eseguito e tantomeno vederlo in scena. Il mio amore per il giovane Verdi era spontaneo e non intendeva certo criticare la profonda evoluzione che ha avuto il suo linguaggio musicale. Il mio esordio alla Scala è poi avvenuto con I masnadieri nel 1978 e due anni dopo vi ho diretto I due Foscari. E sono ben orgoglioso di ripercorrere ancora oggi questo repertorio degli esordi di un genio, apprezzato nel suo stato nascente.

Attila ha avuto ai tempi una straordinaria fortuna. Di questo va tenuto conto. Le arie venivano trascritte per gruppi di strumenti, suonate nei salotti e riprodotte per strada dagli organetti di Barberia. Verdi ha poi scritto opere ancora più straordinarie, come Macbeth, Rigoletto, Il trovatore, La traviataeAttila ha finito per essere trascurato. Questo non significa che sia un’opera da dimenticare, anzi. Ci sono stati decenni in cui opere che oggi sono stabili in repertorio non venivano programmate, se non raramente, per esempio Macbeth e Simon Boccanegra. Negli anni che sto dedicando alla Scala ho deciso di dirigere tre opere giovanili di Verdi che rappresentano un’autentica trilogia bellica, perché ambientate in tragico tempo di guerra: Giovanna d’Arco, Attila e Macbeth. Porterò in scena quest’ultima in una delle prossime stagioni. Nella protagonista femminile di Attila, Odabella, la guerriera che lo ucciderà per vendicare il padre, ritroviamo una vocalità spettacolare, molto simile a quella di Lady Macbeth. Attila è un’opera anche sperimentale, la prima in cui Verdi ha controllato minuziosamente la scenografia. C’è una descrizione dell’aurora sulla devastata Aquileja, che è un piccolo poema sinfonico che Verdi voleva “sublime”, perché in esso si scorgeva la futura nascita di Venezia.

Per la prima volta alla Scala eseguiamo l’opera nell’edizione critica di Helen Greenwald, una studiosa americana che ha partecipato al convegno di studi organizzato nel ridotto dei palchi “Arturo Toscanini” il 19 novembre scorso, al quale ho avuto il piacere di partecipare con alcune mie riflessioni accanto ai numerosi musicologi convenuti.

Nell’esecuzione inseriremo anche un ritornello che Rossini aveva composto per un terzetto di Attila, il cui manoscritto, donato da Rossini a Giuseppina Strepponi, che lo lasciò a sua volta ad Arrigo Boito, si trova ora al Museo Teatrale alla Scala, dove c’è anche il manoscritto dell’aria “Oh, dolore!”, una delle tre che Verdi ha composto per il personaggio di Foresto, quella scritta in occasione della prima esecuzione alla Scala di Attila, sempre nel 1846. L’ho scelta - come ho scelto di eseguire il ritornello di Rossini - per ragioni musicali, anche se mi fa sempre piacere celebrare il passato di questo grande Teatro.

Non da ultimo va ricordato che Attila ha anche una lettura patriottica. L’apparizione del papa Leone, che impone ad Attila di non invadere Roma, è probabilmente legata al pontificato di Pio IX, che si pensava potesse aiutare l’Unificazione. La stessa retorica delle donne italiche, guerriere indomabili, le parole sceniche “Cara patria”, “Resti l’Italia a me”, sono particolari legati al tempo e al ricordo delle lotte per fare della nostra penisola una sola nazione. Ma Attila deve anche vivere una sua indipendenza dal secolo in cui nacque, perché i meriti musicali vanno oltre la carica politica e i temi della guerra, del sopruso e della vendetta sono archetipi umani non ancora scomparsi dalla nostra civiltà.

© Riproduzione riservata