Economia

I film europei viaggiano a Berlino

  • Abbonati
  • Accedi
Out Stealing Horses

I film europei viaggiano a Berlino

«Aiutare i film europei a viaggiare»: è questo il sottotitolo del focus sui film sostenuti dall’Unione Europea che partecipano alla 69esima edizione della Berlinale e che domani annuncerà il nome del vincitore. In tutto sono 24 le pellicole proiettate alla kermesse tedesca per un investimento pari a 1,7 milioni di euro, suddivisi tra produzione, coproduzione e distribuzione.

Ben 5 i film in competizione: God exists, her name is Petrunija di Teona Strugar Mitevska (Macedonia, Belgio, Slovenia, Croazia, Francia), è la sfida delle convenzioni sociali e del retaggio delle tradizioni para-religiose di matrice maschile da parte di una donna nella Macedonia in cui le pari opportunità non sono così consolidate; Elisa y Marcela di Isabel Coixet (Spagna), narra un matrimonio gay ante litteram con un patinato bianco e nero; Mr. Jones di Agnieszka Holland (Olanda, Polonia, Inghilterra, Ucraina) racconta la storia di un reporter, il gallese Gareth Jones, che prima di tutti intravede le mire e le pazzie di Hitler e scopre che il granaio della Russia, l’Ucraina, in realtà è un vasto impero di carestie e disumanità; Out Stealing Horses di Hans Petter Moland (Norvegia, Svezia, Danimarca), vede protagonista il grandissimo attore svedese Stellan Skarsgård, il quale, morta la moglie, arrivato all’età della pensione, si ritira in un luogo sperduto dove vive una vita selvaggia in compagnia dei cavalli; infine The kindness of strangers di Lone Scherfig (Danimarca, Canada, Svezia, Francia, Germania), interamente scritto dalla stessa Scherfig, racconta di una donna, arrivata a Manhattan dalla vicina Buffalo con due figli e molte sofferenze. Fugge da un marito manesco e torturatore che forse nasconde nella memoria del computer qualche segreto ancora più terribile.

L’obiettivo del focus è stato far incontrare fra loro 600 operatori tra produttori, agenti, distributori e società finanziarie, stelle del cinema nascenti, tra attori e registi, e anche con la produzione cinese, enorme mercato di fruizione.

Festival di Berlino si tinge di rosa

© Riproduzione riservata

commissione europea logo Progetto realizzato con il contributo finanziario della Commissione europea. Dei contenuti editoriali sono responsabili esclusivamente gli autori e il Gruppo 24 Ore