Cultura

“Ogni desiderio” a Milano 250 eventi per la quinta edizione di…

  • Abbonati
  • Accedi
editoria

“Ogni desiderio” a Milano 250 eventi per la quinta edizione di Bookpride

  • –di

“Ogni Desiderio” , è questo il tema che fa da filo conduttore agli eventi in programma fino a domenica, a Milano, per Bookpride 2019, la quinta edizione della Fiera nazionale dell’editoria indipendentea. «Se il desiderio è il legame che connette chi scrive a chi legge, allora ogni editore è il ponte di corda – mobile, duttile – che mette in relazione lo sguardo di un autore con lo sguardo di quell'altro particolarissimo autore che è il lettore. Ogni editore indipendente fabbrica legami, inventa desideri, dunque avventure». Per la manifestazione, diretta dallo scrittore Giorgio Vasta, è prevista la persona di 200 editori e un calendario con 250 incontri.

LEGGI IL PROGRAMMA

La scelta di legare al sostantivo “desiderio” l’aggettivo indefinito “ogni” evidenzia l’idea che « il desiderio non è uno, dato e univoco, certo e controllabile, bensì plurale, brulicante, contraddittorio e conflittuale. Il desiderio, se profondamente vissuto, tanto costruisce quanto disfa: genera, disorienta, rivela. Desiderare è dunque una tensione a modificare gli scenari, addirittura a immaginarne di nuovi, tanto a livello individuale quanto collettivo».

E così abbiamo “Il desiderio di non essere indifferenti”: la senatrice a vita Liliana Segre interviene con il sindaco di Milano Giuseppe Sala per raccontare la sua testimonianza e il suo messaggio politico, raccolti da Giuseppe Civati nel libro Il mare nero dell'indifferenza (People) (sabato 16 marzo alle ore 11).

E “dare un nome. Il desiderio di essere umani”: Cristina Cattaneo dialoga con Elena Stancanelli intorno ai temi del suo libro Naufraghi senza volto (Raffaello Cortina) che racconta, attraverso il vissuto di un medico legale, il tentativo di un Paese di dare un nome alle vittime della migrazione, e come questi corpi testimoniano la violenza e la disperazione del nostro tempo (venerdì 15 marzo ore 19).

Cosa se non il desiderio ci muove? A Milano dal 15 al 17 marzo «Book Pride 2019 - Ogni desiderio»


Ed ancora “Umano/Urbano. I sentieri del desiderio”: in questa sezione, realizzata in collaborazione con la Milano Digital Week, si ragionerà sui modi in cui l'intelligenza urbana e il desiderio umano costruiscono legami esplorando e di continuo reinventando quel complesso organismo – spazio ma anche tempo, relazioni, comunicazioni, trasformazioni – che è una città. Fra gli ospiti dei vari incontri, Franco Lorenzoni, Christian Raimo, Susanna Sancassani, Luca De Biase, Gianluca Sgueo, James Barrat, Giovanni Ziccardi, Matteo Lancini, Maurizio Balistreri, Iain Sinclair, Guido Viale. In programma anche un incontro del ciclo «Editoria in Progress», a cura dei Master Professione Editoria e BookTelling dell'Università Cattolica.

Professori di desiderio – Dodici lezioni d'autore, è la sezione in collaborazione con Fondazione Treccani Cultura, ognuna focalizzata su un personaggio letterario, maestro a sua volta nell'arte del desiderio: Violetta Bellocchio e il desiderio di Jane Eyre, dal romanzo di Charlotte Brontë; Giorgio Fontana e il desiderio dell'agrimensore K., da Il Castello di Franz Kafka; Fabio Geda e il desiderio di Asher Lev, da Il mio nome è Asher Lev di Chaim Potok; Nicola Lagioia e il desiderio dei personaggi di Truman Capote, in A sangue freddo e in Preghiere esaudite, ovvero quando le persone reali diventano personaggi di romanzi di non fiction; Marco Malvaldi e il desiderio di Barney da La versione di Barney di Mordecai Richler e quello di Winston, il protagonista di 1984 di George Orwell; Antonio Moresco e Tiziano Scarpa e il desiderio di Don Chisciotte e Sancho Panza, dal capolavoro di Cervantes; Francesco Pacifico e il desiderio di Mrs Dalloway, dal romanzo di Virginia Woolf; Valeria Parrella e il desiderio di Antigone, dalla tragedia di Sofocle; Elena Stancanelli e il desiderio dell'Iguana e del puma Alonso, da due tra i romanzi più belli di Anna Maria Ortese; Chiara Valerio e il desiderio di Kurtz, da Cuore di tenebra di Joseph Conrad; Simona Vinci e il desiderio dei personaggi delle fiabe dei Fratelli Grimm.

Stelle polari è il ciclo di conversazioni e interviste in cui i protagonisti raccontano il legame che hanno con l'oggetto del loro desiderio, la loro “stella polare”: Paolo Cognetti e Chandra Livia Candiani esploreranno il desiderio di silenzio; Federico Fiumani si concentrerà sul desiderio del nulla, nell'incontro Affinità e divergenze, 35 anni dopo, tra Siberia e noi; Giuseppe Genna racconterà il desiderio italiano con Marco Damilano; Dori Ghezzi interverrà in un incontro, che a vent'anni dalla scomparsa di De André, si intitola All'incanto dei desideri; Paolo Giordano racconta il desiderare quello che non c'è, prendendo spunto dall'intervento della giovane attivista svedese Greta Thunberg, che ha riportato con forza l'attenzione sul cambiamento climatico, e riflette quindi sulla sorte delle utopie, sul sentimento antiscientifico che sta braccando l'Italia e l'Europa; Christian Raimo parlerà del desiderio di uguaglianza a partire dall'articolo 3 della Costituzione; l'astrofisica Sandra Savaglio racconterà il nesso tra desiderio e cielo stellato; Patrizia Valduga e Pietro Barbetta si concentreranno invece sul legame tra desiderio erotico, mancanza e poesia; Walter Siti si interrogherà sulla transizione dal desiderio al bisogno.

© Riproduzione riservata