Cultura

Brennero, San Gottardo, Tav: i grandi cantieri diventano mete…

  • Abbonati
  • Accedi
turismo alternativo

Brennero, San Gottardo, Tav: i grandi cantieri diventano mete turistiche

Fino a settembre 2019 le visite sono al completo, si raccolgono le prenotazioni per la fine dell'anno. L'oggetto d'interesse è la Galleria di base del Brennero, attualmente in costruzione tra Innsbruck e Fortezza, in provincia di Bolzano, per una lunghezza di 55 chilometri. «Le richieste sono molte», conferma Thomas Albarello di Bbt Se, la società partecipata al 50 per cento da Italia e Austria incaricata di costruire l'opera ferroviaria che ha lo scopo di alleggerire il traffico, soprattutto merci, attraverso il passo del Brennero.

Il cunicolo esplorativo geologico, le due canne a binario singolo dove passeranno i treni, i collegamenti trasversali e le gallerie laterali di accesso non saranno terminati prima del 2025: il tunnel sotto le Alpi non è un museo aperto al pubblico, ma un cantiere che in questa fase non si ferma mai, tra scavo con l'esplosivo, trasporto del materiale all'esterno, consolidamento del fronte. «Le visite sono una volta alla settimana e una volta all'anno blocchiamo i lavori per la giornata a porte aperte: nel 2018 vi hanno partecipato 10mila persone tra il lato italiano e quello austriaco. La prossima sarà il 2 giugno», spiega Albarello.

In Italia, la parte visibile in questo momento è il cantiere di Mules, a Nord di Fortezza, uno degli accessi al tunnel principale, visitato da quasi 5mila persone nel 2018. «Prossimamente sarà aperto al pubblico anche il cantiere del sottoattraversamento dell'Isarco, dove si scava un passaggio sotto il fiume congelando il terreno con azoto liquido», racconta Albarello. È l'Osservatorio per la realizzazione della Galleria di base del Brennero – un ente autonomo che controlla l'impatto e l'avanzamento dei lavori istituito nella stessa delibera del Cipe che dà il via libera all'opera – a gestire sia le visite sia l'Infopoint dentro al Forte di Fortezza con tutte le informazioni sulla galleria: un'installazione permanente qui dal 2015 che raggiungerà quest'anno le 100mila presenze.

PROSEGUI LA LETTURA SU IL MAGAZINE

© Riproduzione riservata