Cultura

Il week-end delle gallerie d’arte

  • Abbonati
  • Accedi
parigi

Il week-end delle gallerie d’arte

Ogni Galleria d'arte, a Parigi come nel resto del mondo è, almeno idealmente, un piccolo centro culturale, un polmone che inspira idee, urgenze e desideri ed espira progetti e opere; le gallerie, in questo senso, rappresentano la ragione stessa dell'esistenza dell'artista; e quando si perde questa connessione, si perde il significato stesso di opera d'arte. Anche per questa ragione, happening come la Paris Gallery Week End riconnettono le gallerie della città alla propria primaria vocazione, quella di essere visitate, di stimolare idee, di consentire incontri inattesi, di porre domande, mettendo a contatto galleristi, artisti, collezionisti (oltre 7.500 la scorsa edizione, di cui il 70% dall'estero) e, soprattutto, il pubblico. Le parole d'ordine del Week end sono parcourir, décovrir, collectionner e raccontano la triplice vocazione dell'evento: scoprire, attraverso percorsi inediti, un mondo complesso (e sovente inaccessibile), uno dei pochi che genera, allo stesso tempo, conoscenza e mercato, attraverso (non sempre, ma con la nova leva la rotta è finalmente in inversione) la bellezza.

Paris Gallery Week End, alla sesta edizione, è il più grande evento diffuso dedicato all'arte contemporanea al mondo e, in certo senso, la più grande rete di gallerie del mondo, con quarantotto spazi espositivi privati che si mettono in rete e aprono le porte a mostre, exhibitions personali, incontri e performing arts (quaranta gli eventi in totale), oltre al testing dell'App Smartify, che consente di identificare, attraverso una foto-scansione dallo smartphone, decine di migliaia di opere d'arte. Alcune rintracciabili nei Musei e nelle Istituzioni (Unesco, Pompidou, de la Chasse et de la Nature, Orangerie) partner dell'evento fondato e curato dalla gallerista Marion Papillon, oltre che nelle gallerie protagoniste, (tra cui le storiche Galerie Anne-Sarah Bénichou, Perrotin, Galerie Thaddaeus Ropac), che per un week end saranno un grande marché ouvert dell'arte. Con esposizioni site specific di artisti come Guillaume Pinard, Nicole Hassler, Arnaldo Pomodoro, Cathryn Boch.

© Riproduzione riservata

>