Primo contatto

Cupra Born, la recensione: come va su strada l'elettrica spagnola

Prova su strada della nuova auto elettrica a marchio Cupra, dotata di un'autonomia fino a 524 chilometri.

di Simonluca Pini

5' di lettura

Sportività, stile e zero emissioni. La nuova Cupra Born parte da questi elementi per aver successo nel segmento delle elettriche compatte. Realizzata sulla piattaforma Meb (dal tedesco Modulare E-Antriebs-Baukasten) e costruita nell'impianto di Zwikau in Sassonia, la nuova Born condivide con la Volkswagen ID.3 un lungo elenco di componenti e caratteristiche a partire dalle forme della carrozzeria. Rispetto alla tedesca però riesce a distinguersi grazie ad una precisa caratterizzazione estetica, da una maggiore cura degli interni e da una dinamica di guida che strizza l'occhio agli amanti della sportività. Dimensioni e stile esterno sono sulla falsariga dell'elettrica a marchio Volkswagen ma con la zero emissioni spagnola si nota un salto di qualità, in particolare a bordo merito ai materiali utilizzati. Disponibile in concessionaria a partire da novembre, è già in ordinabile in versione da 204 cavalli con batteria da 58 kWh.

Cupra Born, tutte le foto in strada

Cupra Born, tutte le foto in strada

Photogallery13 foto

Visualizza

Cupra Born motorizzazioni e autonomia

Sul fronte delle motorizzazioni al lancio è disponibile la versione con motore da 204 cavalli e pacco batteria da 58 kWh, con autonomia effettiva di 424 chilometri con omologazione Wltp. Successivamente arriveranno i tagli di batteria da 45 kWh e 77 kWh e la motorizzazione da 170 kW (231 cavalli) montata sulla Born e-Boost. In questo caso l'autonomia sale fino a 540 chilometri, lo scatto da 0 a 100 km/h viene coperto in 7 secondi e la potenza di ricarica in massina (in corrente continua) raggiunge i 170 kW contro i 120 kW della versione da 58 kWh. Inoltre la versione più potente offre di serie freni anteriori con dischi da 340mm, cerchi da 19” di serie e il volante Cupra con pulsanti satellite.

Loading...

Cupra Born dimensioni

Stile e dimensioni riprendono quanto già visto sulla Volkswagen ID.3 ma lo fanno in chiave sportiva. Le dimensioni della Cupra Born dichiarano una lunghezza di 4.322 mm, una larghezza di 1.808 mm, un'altezza di 1.540 mm e un passo di 2.767 mm. Esteticamente la Born si distingue per il frontale con calandra più bassa, ampia presa d'aria, fari full led dalla firma luminosa specifica e logo Cupra in Cooper. Le fiancate ricevono nuovi cerchi in lega con dimensioni da 18, 19 e 20 pollici. In coda spicca il grande diffusore integrato in tinta con la carrozzeria e la denominazione Born integrata nella luce posteriore.

Cupra Born interni

Il salto di qualità rispetto alla ID.3 arriva salendo a bordo, dove ritroviamo il pacchetto hi-tech con schermo centrale touchscreen da 12 pollici con sistema di infotainment Mib3 connesso e la piccola strumentazione da poco più di 5” davanti al guidatore da dove visualizzare le principali informazioni utili alla marcia. A questo si aggiunge l'head-up display con realtà aumentata, capace di trasformare il parabrezza in un maxi schermo. Al capitolo connettività il sistema Cupra Connect permette di attivare i servizi online della vettura. In questo modo, si può gestire dall'app My Cupra anche la ricarica della batteria, impostando l'esatta percentuale di ricarica che dovrà essere disponibile alla partenza. Possono essere attivati da remoto anche il climatizzatore, impostando la temperatura desiderata in anticipo e il riscaldamento dei sedili, sia conducente che passeggero anteriore. Da sottolineare l'uso dei materiali utilizzati, realizzati sempre con grande attenzione alla sostenibilità e al tempo stesso dalla immagine maggiormente curata rispetto alla ID.3. L'approccio ecosostenibile è confermato dalla scelta dei materiali per gli interni. Dinamica è una microfibra utilizzata per il rivestimento dei pannelli delle portiere e dei braccioli anteriori di serie. È possibile avere anche i sedili sportivi avvolgenti in Dinamica nelle varianti Blu Aurora o Grigio Granito sempre abbinati alla regolazione elettrica e alla funzione di riscaldamento e massaggio. Promosso anche lo spazio interno, grazie al passo di 2.766 mm, con un vano di carico a partire da 385 litri ed espandibile fino a 1267.

Cupra Born autonomia e tempi di ricarica

Tempi di ricarica? Il caricatore di bordo accetta fino a 100 kW in corrente continua e fino ad 11 kW in corrente alternata e viene fornito di serie un cavo mode 3 di tipo 2. Nel primo caso, le tempistiche di ricarica sono di 35 minuti, mentre in alternata si sale a 6 ore e 1 5 minuti.

Cupra Born guida autonoma

Passando ai sistemi Adas la gamma di sistemi comprende Adaptive Cruise Control predittivo, Travel Assist, Side and Exit Assist, Traffic Sign Recognition, Emergency Assist e Pre-Crash Assist. Tutte le informazioni necessarie dei sistemi di assistenza sono trasmesse direttamente al conducente mediante l'Head-up display con realtà. L'Adaptive Cruise Control predittivo (ACC) può localizzare CUPRA Born in base al percorso e ai dati Gps forniti dal sistema di navigazione e le consente anche di correggere la propria velocità a seconda della configurazione della strada da percorrere: curve, rotatorie, incroci, limiti di velocità e centri abitati. Avvalendosi degli input della telecamera anteriore e del riconoscimento della segnaletica stradale, il sistema intelligente può anche regolarne la velocità adattandola ai limiti in ogni momento. Il Travel Assist sfrutta le informazioni fornite da Acc e Lane Assist per mantenere attivamente la vettura al centro della propria corsia e regolarne la velocità in base al flusso del traffico, garantendo così una guida assistita. non mancano il Front Assist con frenata di emergenza e rilevamento di pedoni e ciclisti, il mantenimento di corsia, il riconoscimento della stanchezza e sensori di parcheggio anteriori e posteriori. Tra gli altri optional, l'equipaggiamento si può integrare con la Top View Camera, il Pre-Crash Assist e l'Exit Assist.

Cupra Born, prova su strada

Guidata tra il traffico di Barcellona e le tortuose strade collinari a sud della capitale catalana, la Born conferma su strada quanto anticipato dai tecnici Cupra. La prima elettrica del marchio spagnolo si differenzia dalla ID.3 in particolar modo proprio per la propensione alla guida sportiva ((asse anteriore ribassato di 15 mm e asse posteriore ribassato di 10 mm rispetto all'altezza standard della piattaforma Meb) e per una dinamica di marcia più precisa. Grazie alla possibilità di cambiare il setting della vettura scegliendo tra range, comfort, performance, individual e Cupra (quest'ultima esclusivamente sulla versione e-Boost da 231 cv) utilizzando i tasti satellite sul volante. Non manca in opzione la regolazione adattiva dell'assetto DCC, capace di cambiare il carattere della vettura. Promossa anche alla voce autonomia, con percentuali di carica in linea con quanto dichiarato dall'omologazione Wltp. Passando al prezzo si parte da 38.900 euro mentre la versione e-Boost sarà disponibile da novembre. Completa la dotazione di serie, dove non mancano tra i vari accessori fari full led, cerchi da 18”, schermo touch da 12 pollici, Cupra Connect, assistente vocale intelligente, sospensioni sportive e Apple CarPlay e Android Auto wireless. Tra gli accessori l'head-up display a realtà aumentata (1.000 euro), Pilot Pack L (2.000 euro) e cerchi in lega da 20” (1200 euro).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti