fiere d’arte

Da Artissima anticipa tutti e va sul web con Fondamenta

Anticipa le mosse del competitor miart che ha programmato in settembre la manifestazione: 194 le gallerie coinvolte e le opere proposte avranno un prezzo massimo di 15.000 €

di Marilena Pirrelli

default onloading pic

Anticipa le mosse del competitor miart che ha programmato in settembre la manifestazione: 194 le gallerie coinvolte e le opere proposte avranno un prezzo massimo di 15.000 €


2' di lettura

Ci saremmo aspettati da Venezia un nome come Fondamenta e da miart la fuga in avanti, invece il nuovo progetto digitale di relazione e interazione, che dal 5 giugno al 5 luglio sarà online sul sito di Artissima , parte dalla fiera di Torino. Il progetto nasce a cinque mesi dalla 27ª edizione della fiera in calendario dal 6 all’8 novembre per sperimentare nuove modalità di incontro e comunicazione con il pubblico da remoto. Tutte le fiere d’arte hanno allo studio piani b e c per reagire a possibili misure di distanziamento che potrebbero depotenziare il loro ruolo nel sistema dell’arte contemporanea. Artissima guidata da Ilaria Bonacossa fa il primo passo e porta la firma del team curatoriale di Artissima 2020, realizzato con le gallerie e per le gallerie. Project main partner del progetto è Art Defender.

Artissima sul web opere sotto i 15mila euro

Artissima sul web opere sotto i 15mila euro

Photogallery10 foto

Visualizza

Le gallerie in gioco
Il nome del progetto poggia sul fulcro delle gallerie, fondamenta del sistema: 194 per l’esattezza con la presentazione di 194 opere. Tra le 5 internazionali che hanno aderito ci sono Maureen Paley (Disegni), Mendes Wood DM (Present Future), Lambda Lambda Lambda, Osnova e Sophie Tappeiner (New Entries). La piattaforma riunirà in un luogo virtuale gallerie, curatori, collezionisti, opere e artisti. Non sarà una viewing-room, né essere una fiera o una mostra virtuale. Fondamenta è una ricognizione sulle ricerche artistiche contemporanee, mirata a offrire gratuitamente alle gallerie della fiera nuove opportunità di visibilità, vendita e contatto con il pubblico dell'arte. Con un'interfaccia semplice presenterà 194 opere, una per galleria, su pagine virtuali immaginate come ideali muri portanti. Ogni muro corrisponde ad una sezione: Present Future, curata da Ilaria Gianni e Fernanda Brenner; Back to the Future, curata da Lorenzo Giusti e Mouna Mekouar; Disegni, curata da Letizia Ragaglia e Bettina Steinbrügge; New Entries, curata da Valerio Del Baglivo; Main Section, in questa occasione curata da Ilaria Bonacossa.
I curatori hanno selezionato un artista per ciascuna galleria, con criteri ogni volta diversi e un unico punto condiviso: le opere proposte hanno un prezzo massimo di 15.000 €, per costruire una proposta utile anche ad avvicinare un pubblico nuovo, giovane, creando nuovi contatti tra collezionisti e gallerie, tutto naturalmente all'insegna dell'altissima qualità.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti