elezioni

Da Belvì a Seneghe, i quattro comuni sardi che non possono andare al voto per mancanza di candidati

In questi centri in provincia di Nuoro e Oristano (che complessivamente contano poco più di cinquemila abitanti) le elezioni (previste a giugno ma poi rinviate a causa dell'emergenza Covid) non si svolgeranno

di Davide Madeddu

3' di lettura

Nove mesi senza sindaco e commissariati per mancanza di candidati. Succede in quattro comuni della Sardegna, la regione dove il 25 e 26 ottobre andranno al voto gli abitanti di 156 centri (comprese le città di Nuoro e Quartu Sant'Elena) con aspiranti sindaci e consiglieri. Si tratta dei Comuni di Belvì, Sorgono e Talana in provincia di Nuoro e Seneghe in provincia di Oristano. In questi centri (che complessivamente contano poco più di cinquemila abitanti) le elezioni (previste a giugno ma poi rinviate a causa dell'emergenza Covid) non si svolgeranno.

In arrivo i commissari per mancanza di candidati

Le forze politiche locali, benché si tratti di piccoli paesi, non sono riuscite a esprimere nessuna lista. Risultato? Nessun candidato e quindi niente elezioni. Per almeno nove mesi, e sino a quando ci sarà la prossima finestra elettorale amministrativa (che dovrebbe essere tra maggio e giugno 2021) i quattro comuni saranno amministrati da altrettanti commissari indicati dall'assessorato regionale degli Enti locali. “In questo dato preoccupante c'è un aspetto positivo, e cioè che i comuni in cui non si vota sono solo 4 su 160, molti meno rispetto a quanto accadeva in passato - commenta Umberto Oppus, direttore dell'assessorato regionale degli Enti locali -. Resta però l’aspetto negativo legato al fatto che dai piccoli centri si scappa perché non ci sono risorse né servizi e anche amministrare diventa un problema».

Loading...

La mancanza di servizi

Per Oppus, che in passato è stato sindaco di Mandas per 15 anni, amministrare i piccoli comuni «è un po' come chiedere di andare a fare la guerra con le pistole ad acqua». «Nei piccoli centri mancano i servizi, manca il lavoro e le amministrazioni sono senza risorse - argomenta - i giovani vanno via e i settantenni non si mettono ad amministrare. C'è una cosa che ripeto da anni: i piccoli centri non sono la riserva indiana dove si va una volta all'anno per la sagra del formaggio o per la festa patronale, ma luoghi che hanno bisogno di attenzione e dove la distanza dello Stato si sente».

Una sola lista in 48 centri

A guardare oltre, analizzando l'intero scenario elettorale è Emiliano Deiana, presidente dell'Anci Sardegna che non nasconde la sua preoccupazione per quella che viene definita una sorta di altra faccia delle elezioni. «Un segnale preoccupante che non viene mitigato dal fatto che ad Austis, dove da anni il comune era commissariato, è stata presentata una lista». C'è poi anche un altro aspetto. E riguarda i comuni dove si va al voto. In 48 centri «è stata presentata una sola lista e molte liste sono incomplete rispetto ai candidabili». «Sono tutti segni di una crisi profonda della democrazia locale in cui si indovinano motivazioni e complicazioni sia locali che generali - prosegue Deiana che è anche sindaco uscente e non ricandidato di Bortigiadas - : disaffezione alla politica, debolezza estrema dei partiti che hanno abbandonato i luoghi, attentati agli amministratori, un ritrarsi dello Stato dai luoghi periferici, un generale timore ad affrontare situazioni complesse in un momento inedito nella storia umana».

Il ruolo dell’emergenza sanitaria

Eppoi, aspetto tutt'altro che trascurabile, l'emergenza sanitaria con cui tutti gli amministratori comunali devono fare i conti tutti i giorni. «Il Covid19 ci ha difatti posto di fronte a una realtà nuova nella quale sindaco e amministratori locali sono in prima linea per affrontare crisi sanitaria e crisi economico a sociale - conclude -: non ci ha stupito che ci sia timore ad affrontare la sfida del futuro a livello locale. Ma non bisogna arrendersi e puntare sulle nuove generazioni di amministratori locali per vincere le sfide e le complessità del mondo moderno».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti