PREVIDENZA E PROFESSIONI

Da Cassa forense servizi sanitari extra e proroga degli adempimenti

Per gli iscritti a Cassa forense consulenze mediche a distanza e una card che consente l’accesso a strutture sanitarie private a prezzi calmierati

di Federica Micardi

(ANSA)

2' di lettura

Da Cassa forense misure di welfare straordinarie per fronteggiare l’emergenza coronavirus. L’ente di previdenza ha deliberato una serie di interventi sul fronte sanitario per venire incontro alle esigenze dei propri iscritti; ha anche deciso la sospensione dei termini di tutti i versamenti e degli adempimenti previdenziali forensi fino al 30 settembre 2020. «Interventi che riteniamo necessari - spiega il presidente Nunzio Luciano - perché ora la priorità è mantenere la calma, questa è un’emergenza che va trattata anche a livello psicologico».

A tutela della salute degli iscritti due sono le linee seguite: da una parte la gestione della crisi causata dal Covid-19, dall’altra le necessità sanitarie che, a causa dell’emergenza, sono passate in secondo piano.

Loading...

La card Vis-Valore Sanità
Gli iscritti e le loro famiglie possono gratuitamente attivare una card che permette loro di avere tariffe agevolate presso una serie di strutture convenzionate. L’elenco delle strutture è consultabile dal sito https://www.viscard.valoreinsanita.it. L’attivazione, possibile da giovedì 12 marzo, deve essere fatta attraverso il sito di Cassa forense, dalla sezione riservata agli iscritti.

Cliccando su «Chiedi VIS CARD» verrà rilasciato un codice personale da utilizzare per la registrazione sul sito di VIS-Valore in Sanità. Una volta attivata, la carta durerà per 12 mesi e potrà essere utilizzata da tutto il nucleo familiare. Il costo del servizio è a carico di Cassa forense.

Consulenza medica a distanza
Per gli iscritti a Cassa forense e per i loro familiari è stata anche attivata la possibilità di avere dei consulti medici (massimo 2.500) in video chiamata o telefonici, un modo per evitare il rischio di contagio. Questo servizio è previsto per coloro che presentano sintomi riconducibili all’infezione da Covid-19, è attivo 24 ore su 24.

Il numero telefonico della centrale operativa da contattare per fruire del
servizio di consulenza sanitaria è 039.65546064 e sarà attivo per quattro mesi a partire da venerdì 13 marzo. Saranno chieste una serie di informazioni personali e andrà fornito il codice identificativo Foren001.

Le Casse e il welfare
«Le Casse di previdenza in questi anni si sono attivate sul welfare ma l’assistenza che ci siamo ritagliati - spiega il presidente Luciano - è una funzione accessoria, il nostro compito principale è quello di garantire ai nostri iscritti una pensione». Un chiarimento necessario in questi giorni in cui molti iscritti si rivolgono alla Cassa per chiedere aiuto. «Oltre alle misure straordinarie che abbiamo appena varato - ricorda Luciano - c’è anche una serie di interventi già previsti dall’ente che possono essere attivati anche in questo frangente».

Il problema del bilancio
Luciano poi ricorda che oggi le Casse di previdenza dei professionisti si trovano in difficoltà per l’approvazione dei bilanci: «dovremmo approvarli entro il 30 aprile - spiega - ma allo stesso tempo sono vietati gli assembramenti e le riunioni, per questo attraverso l’Adepp, l’associazione che ci rappresenta, abbiamo chiesto a Governo di posticipare l’approvazione al 30 giugno » una richiesta che necessita di una risposta in tempi brevi.

Per approfondire

Coronavirus: dalle Casse i primi aiuti agli studi professionali danneggiati

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti