Sostenibilità

Da Chanel il profumo in vetro riciclato

La maison francese ha sglato con l’azienda Pochet du Courval. Si parte con l’edizione speciale per i 100 anni di N° 5

di Marika Gervasio

2' di lettura

Il vetro delle boccette di profumo firmate Chanel diventa sostenibile. La maison francese ha infatti stretto una collaborazione con l’azienda Pochet du Courval che ha messo a punto un sistema produttivo per produrre uno speciale vetro riciclato che mantiene la brillantezza e la trasparenza di quello tradizionale risparmiando oltre 25 tonnellate di materie vergini per ogni milione di flaconi realizzati
con il materiale di nuova generazione.

Si parte con N°5 Eau de parfum in edizione limitata nel formato 100 ml, che festeggia i suoi cento anni con questa innovazione che sarà progressivamente estesa alle altre fragranze del marchio a partire dal 2022. Anche il packaging dell’edizione limitata è sostenibile visto che è realizzato in carta biodegradabile.

Loading...

Questo progetto rientra in un percorso di collaborazione a lungo termine tra le due aziende nell’ottica di porre la sostenibilità nel cuore della ricerca e dello sviluppo dei prodotti della maison francese che l’anno scorso ha lanciato Mission 1.5, il suo piano per la riduzione dell’impatto ambientale di processi e pratiche in linea con i target del Climate Agreement di Parigi del 2015. Tra gli impegni chiave, la riduzione del 50% delle emissioni di gas effetto serra di tutte le sue attività entro il 2030 e il passaggio al 100% di energia rinnovabile entro il 2025. La maison si impegna anche a far diventare carbon free le sue attività e la sua supply chain e a finanziare progetti che aiuteranno piccoli agricoltori
e imprese a essere meno vulnerabili ai cambiamenti climatici, investendo su materie prime resilienti e a basso impatto e su start up innovative nel ramo degli imballaggi, come la finlandese Sulapac, che ha sviluppato un nuovo materiale, riciclabile in ambito industriale e totalmente biodegradabile in ambiente marino.

Chanel ha inoltre mappato l’impronta di carbonio delle iniziative di marketing e degli eventi che rappresentano il 10% delle emissioni complessive, contro il 26% che invece fa capo alle materie prime e il 24% legato al trasporto di prodotti finiti.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti