Hong Kong

Da Christie’s in Asia il contemporaneo è sugli scudi

Dopo New York, le aste nella città cinese continuano a segnare buoni risultati superando le stime, nonostante le restrizioni. Bene le artiste e gli emergenti

di Marilena Pirrelli

Julie Curtiss (b.1982), Triplette (Triplet)

5' di lettura

Lunedì è iniziata a Hong Kong la settimana di aste di Christie's, la vendita serale d'arte del XX e XXI secolo in due sessioni presso il centro congressi ed esposizioni della città. Guidato dalla banditrice Georgina Hilton, l'evento di cinque ore ha portato un totale di 1.585.295.000 di HKD (170,6 milioni di dollari o 204,2 milioni di dollari con commissioni), ben al di sopra della stima bassa di 1,1 miliardi di HKD (141,7 milioni di dollari) con un tasso di venduto del 97% su 72 lotti.

Ma l'entusiasmo si è interrotto poco dopo la fine della vendita, quando è seguita una vendita in un unico lotto del dipinto di Xu Beihong “Slave and Lion” (1924), stimato in 350 milioni HKD (45 milioni $), non è riuscito a trovare un acquirente. L'artista cinese ha venduto l'ultima volta un dipinto nel 2006 per 53 milioni di dollari.

Loading...

Tuttavia, la vendita di Christie's ha mostrato una buona domanda nel mercato di Hong Kong: il 60% dei lotti è stato aggiudicato al di sopra delle loro stime massime, il 30% all'interno delle stime e solo il 10% è passato di mano al di sotto delle stime minime. L’asta serale ha anche registrato nuovi record per Loie Hollowell, Avery Singer, Kim Tschang-Yeul e Christine Ay Tjoe.

JEAN-MICHEL BASQUIAT (1960-1988), Untitled (One Eyed Man or Xerox Face)

Il lotto principale era il dipinto “Untitled (One Eyed Man o Xerox Face)” di Jean-Michel Basquiat del 1982 , proposto alla stima di 140 milioni di HKD (18 milioni di dollari): le offerte sono partite da 120 milioni HKD (15,5 milioni $) al telefono con i compratori Francis Belin, presidente di Christie's Asia, Eric Chang, presidente dell'Arte Moderna e Contemporanea di Hong Kong e Alex Rotter, presidente dell'arte del XX e XXI secolo di New York. Dopo una lunga serie di rilanci durati 10 minuti, il martello si è fermato a 202 milioni di HKD (26 milioni di dollari), per un prezzo finale di 30,2 milioni di dollari, aggiudicato al cliente di Belin.

Il venditore del Basquiat lo aveva acquistato nell’asta di arte contemporanea di Sotheby's a Londra nel 2017 per 14,6 milioni $, ben al di sotto della sua stima di 17,4 milioni, un prezzo stracciato, rispetto alle somme che opere simili dell'artista e quasi la metà del prezzo registrato da Christie's a Hong Kong. Nel 2017 l’opera è arrivata sul mercato dopo due decenni in mano privata, essendo stato venduto l'ultima volta da Sotheby's New York nel 1987 per 23.100 $.

Il successo del dipinto segue la scia delle ultime vendite delle opere di Basquiat “In This Case” (1983) e “Versus Medici” (1982), entrambe oltre i 50 milioni $ aggiudicate a New York questo mese, e si collocano tra i primi dieci record d'asta dell'artista. Del resto a marzo sempre a Hong Kong è stato battuto “Warrior” del 1982 , per 323,6 milioni HKD (41,7 milioni $), stabilendo un nuovo record d'asta per un'opera di un artista occidentale in Asia.

Zhang Daqian (1899-1983), Temple at the Mountain Peak

I sempre verdi

Oltre Basquiat nomi noti hanno fornito solidi risultati da Christie's: un paesaggio di montagna astratto (“Temple at the Mountain Peak”) degli anni '50 del pittore cinese Zhang Daqian è stato venduto per 209,1 milioni di HKD (27 milioni $); l'ultima volta era stato venduto all'asta nel 2010 per 61,1 milioni di HKD (7,9 milioni $). Il modernista franco-cinese Sanyu, star delle aste asiatiche, era rappresentato da un dipinto di crisantemi rosa con gambo blu. Cinque offerenti hanno portato il prezzo di aggiudicazione fino a 101 milioni di HKD (13 milioni di dollari),per chiudere al prezzo finale di 118,6 milioni di HKD (15,3 milioni di dollari). Liu Ye, rappresentato da David Zwirner dal 2019, è un’altra stella in Asia. Da Christie's il suo dipinto “Hope No. 1” (2000), con i suoi caratteristici protagonisti infantili in divisa da marinaio contro un cielo rosso, è stato un successo: aggiudicato per una stima doppia di 10,4 milioni di HKD (1,3 milioni di dollari), più del triplo di quanto pagato nel 2008 da Sotheby’s per 385.000 $. Aanche le opere più recenti dell'artista con donne nude come “Bird” del 2007 hanno seguito presso i collezionisti, con una garanzia di terze parti è stato venduto per 16,4 milioni HKD (2,1 milioni $), dalla stima bassa di 10-15 milioni HKD. Ha stabilito un nuovo record un’opera di Kim Tschang-Yeul, famoso pittore coreano morto lo scorso gennaio: il suo dipinto “CSH I” del 1978, gocce d'acqua su fondo d’oro è passato a 1 milione $ contro la stima di 618.000 $. Sulla scia della mostra inaugurato da White Cube a Hong Kong, anche l'artista indonesiana Christine Ay Tjoe ha registrato un nuovo record d’asta: il dipinto “Layers with More Circles” (2011) è stato aggiudicato per $ 11 milioni HKD ($ 1,42 milioni), contro la stima di 5,5 milioni di HKD (708.000 $).

Liu Ye (b. 1964), Hope No. 1

Le artiste emergenti

Le opere di un gruppo di artiste emergenti hanno superato le aspettative: il dipinto della francese J ulie Curtiss del 2019 “Triplette (Triplet)”, con tre figure femminili nude, ognuna con il viso nascosto da lunghi capelli, ha attirato offerte aggressive. Venduto da una collezione asiatica privata, il lavoro è salito a 1,9 milioni di HKD (245.000 dollari), tre volte la sua stima di 700.000 HKD (90.000 dollari). “Yellow Canyon Over Red Ground” (2016) dell’americana Loie Hollowell è stato battuto per 3,5 milioni di HKD ($ 451.000), sei volte la sua stima minima di 500.000 HKD (64.400 $). Un dipinto del 2019 “An Evening Portrait” dell’irlandese Genieve Figgis ha totalizzato 1,3 milioni di HKD (167.000 $), quintuplicando la sua stima di 1,3 milioni di HKD (25.800 $). Nonostante il solido gradimento per ciascuna di queste artiste nelle aste di Hong Kong, gli specialisti di Christie's hanno assegnato a questi lavori stime basse e conservative, una strategia utilizzata per attirare offerte competitive e aumentare i prezzi di aggiudicazione. Tuttavia, i risultati per Curtiss, Figgis e Hollowell erano appena al di sotto dei rispettivi record d'asta. Tra le americane sugli scudi anche Avery Singer (classe 1987) con l’opera record d’asta in bianco e nero “Dancers Around An Effigy To Modernism” del 2013 ha raddoppiato la stima massima a 24.250.000 HKD da 7,8-12 milioni HKD, esposta al Walker Art Center e al LACMA è stata nel 2020 in mostra da Hauser & Wirth, in “Artists for New York”, e Dana Schutz (1976): la colorata “Bain de Soleil” (2016) è stata aggiudicata a 15.250.000 HKD dalla stima tra 7- 10 milioni di HKD.

Altre stelle in ascesa

Hanno confermato il buon momento artisti come Amoako Boafo, Salman Toor e Matthew Wong, i cui mercati hanno mantenuto lo slancio nell'ultimo anno dal loro debutto all'asta. Il ritratto di Boafo “Justine Mendy” (2018) è stato venduto per 7 milioni HKD ($ 915.000), più di nove volte la stima di 800.000 HKD (100.000 ($). Di Toor “The Burden” (2015), un'opera simile al dipinto che ha stabilito il suo record, è stato venduto per 3,5 milioni di HKD (451.000 $), più che quadruplicando la sua stima di 800.000 HKD (103.000 dollari), “Night 2” del 2018 di Wong è stato aggiudicato a 25 milioni HKD (3,2 milioni $), tre volte la stima bassa di 6,8 milioni HKD (876.000 $). In ascesa anche il cinese Jia Aili (1979) in scuderia da Gagosian: “Untitled” è passato di mano per 12.010.000 HKD dalla stima tra 4,8 e 6,8 milioni di HKD, e Ronald Ventura (1973) con “Festaiolo” del 2017 salito a 19.450.000 HKD dalla stima tra 800.000 - 1.200.000 HKD. Si conferma il buon momento in Asia anche per Banksy con “Sale Ends Today” aggiudicato a 47.050.000 HKD dalla stima tra 21-28 milioni.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti