grosio a milano

Da concessionario auto a piazza multifunzionale

di Paola Pierotti

default onloading pic


2' di lettura

Valorizzazione immobiliare, attraverso un progetto di architettura contemporanea, che cambia volto ad un’ex concessionaria di auto, nel quadrante nord-ovest di Milano. Il Gruppo Risanamento con questa iniziativa punta a dare al quartiere modernità e innovazione, proponendo anche un nuovo e iconico spazio di ritrovo, per i cittadini residenti ed i lavoratori della zona.

Davide Albertini, dg di Risanamento, svela il concept del progetto studiato con lo Studio Officine Architetti di Hembert Peneranda e la consulenza urbanistica di PrassiCoop: una soluzione per ristrutturare l’edificio esistente, circa 18mila mq di superficie lorda fuori terra, all’interno di un lotto di circa 32mila mq complessivi. «Ad integrazione dell’operazione di Santa Giulia, con la valorizzazione del fabbricato Sky e delle prossime iniziative anche legate alle Olimpiadi come il Palaitalia – racconta Albertini – ci stiamo concentrando su asset minori che possono essere reali occasioni di valorizzazione. All’angolo tra viale Alcide de Gasperi e via Grosio, disdetto l’affitto da parte del gruppo Fiat, abbiamo ritenuto di intervenire con un progetto di riqualificazione prima di rimettere l’immobile sul mercato. Sulla base di analisi e indagini sui bisogni della zona, abbiamo definito un layout con 8mila mq di uffici e 10mila mq di servizi commerciali e per la ristorazione, con un’architettura che sia il più possibile aperta e flessibile, per rispondere alle esigenze di uno o più tenant».

Il progetto Grosio si distingue per una “piazza” multifunzionale, servizi di ristorazione, negozi e laboratori per un mix di modernità, tecnologia e vetrina per le nuove generazioni. Attenzione anche alla riqualificazione del silos adibito a parcheggi, in parte con attività commerciali al piano terreno, oltre a parcheggi per circa mille posti auto e circa 9mila mq in copertura destinata a verde, per un mix di attività ludiche, sportive e ricreative all’aperto. Elemento distintivo del concept è la palazzina ad uffici che, in posizione baricentrica, risulta ben visibile dalla strada e, tramite una struttura a pilotis, si solleva di 5 piani al di sopra della copertura della food-court fino a raggiungere un’altezza di circa 40 metri fuori terra; una facciata continua in vetro riveste il volume degli uffici. Il cantiere prevede una parziale demolizione della struttura esistente, senza aumento di cubatura. Entro la fine del 2020 l’avvio dei lavori.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati