ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLavoro

Da Gucci contratto pilota per i lavoratori pellettieri

Dalle società della griffe Gt (Scandicci), Gpa (Figline Valdarno) e Garpe (Siena) un’intesa innovativa con quattordicesima, premio di risultato

di Silvia Pieraccini

2' di lettura

Dopo lo stop causato dal Covid, l’industria della pelletteria in Toscana ha ripreso a lavorare a pieno ritmo, col risultato che i grandi marchi, soprattutto nel distretto di Scandicci, si contendono i lavoratori qualificati a colpi di bonus e di benefit.
Nasce in questo contesto l’innovativo contratto integrativo aziendale firmato dai sindacati Femca-Cisl e Filctem-Cgil con tre aziende di (sola) produzione di borse, Gt di Scandicci, Gpa di Figline Valdarno e Garpe di Siena, tutte controllate al 100% dal marchio Gucci, che impiegano nel complesso 1.500 addetti.

Gucci porta la sua filosofia sotto la luna di Castel del Monte

Gucci porta la sua filosofia sotto la luna di Castel del Monte

Photogallery16 foto

Visualizza

Premi di risultato e welfare aziendale

Il contratto infatti introduce la quattordicesima mensilità, per la prima volta in aziende che lavorano con gli stessi costi e le stesse modalità dei terzisti, oltre a migliorare il premio di risultato e il welfare aziendale. Fino a oggi la quattordicesima è stata prerogativa dei grandi marchi, ma non delle società controllate che producono in tutto e per tutto come dei fornitori esterni, senza progettare né commercializzare i beni.

Loading...

Operazione complessa

«L’operazione quattordicesima è stata complicata – spiega Alessandro Picchioni di Filtem-Cgil – ed è stata possibile solo perché queste aziende, che hanno 700, 600 e 200 dipendenti, hanno ingegnerizzato il processo produttivo, arrivando ad avere risultati di tutto rispetto. Il fatto che il mercato del lavoro sia ’esploso’ ha aiutato a raggiungere il traguardo sindacale, che è nuovo nella storia della pelletteria».

Contratto triennale

Il contratto integrativo appena firmato riguarda il triennio 2022-2025. La quattordicesima (che formalmente è agganciata all’integrativo) quest’anno sarà rapportata a sei mesi, mentre sarà piena a partire dal 2023. Le altre novità sono un incremento del premio di risultato, che passa da 1.200 a 1.400 euro all’anno; e una somma pari a 1.350 euro per tre anni (circa 400 euro all’anno) di welfare aziendale, da usare per l’acquisto di beni e servizi per i dipendenti e i loro familiari; l’uso della mensa aziendale scende da 2,5 euro a 1 euro; sono previste ferie solidali e ulteriori congedi e permessi a favore della parità di genere e di lavoratori in particolari situazioni, e tutele per le vittime della violenza di genere.

Intesa pilota

«Questo accordo creerà un movimento nel mercato del lavoro», prevede Picchioni pensando all’attrattività delle tre pelletterie e alla richiesta di emulazione che arriverà da parte dei lavoratori di altri gruppi.Grande soddisfazione per l’accordo della piattaforma industriale Gucci è stata espressa dalle aziende e dalle organizzazioni sindacali in un comunicato. «L'intesa raggiunta – affermano i sindacati – conferma che il modello di relazioni sindacali partecipative, sviluppate in questi anni, contribuisce alla competitività aziendale e colloca le tre pelletterie come punto di riferimento nella contrattazione di secondo livello nelle aree di Scandicci, del Valdarno e dell'area senese/grossetana dell’Amiata».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti