Intelligenza artificiale

Da Keipay un assist per ottimizzare la produzione

Focus su reti e processi

di Michele Romano

2' di lettura

Ci sono sei anni di studi e un continuo perfezionamento dei processi e degli algoritmi dietro Keipay, la soluzione sviluppata dai fratelli Andrea, Gianluca e Massimiliano Bufarini, che consente di analizzare, aggregare, valutare nel tempo l’enorme mole di dati prodotti dai macchinari industriali. Operazioni lunghe e costose che, grazie all’introduzione dell’intelligenza artificiale e del cloud, diventano di facile utilizzo e un driver decisivo per il controllo della produzione. Il nome richiama l’acronimo KPI, che definisce gli indicatori di performance industriale; in realtà, chiarisce tutte le caratteristiche della soluzione nata all’interno di MGA Automation, che da oltre vent’anni si occupa di soluzioni per l’automazione e l’efficienza energetica degli impianti industriali. «Al nostro interno, la parola key viene letta come chiave d'accesso agli elementi materiali del business, che i dati generati dagli impianti, opportunamente aggregati e gestiti, forniscono», spiega Gianluca Bufarini, ceo dell’azienda alle porte di Ancona che occupa 10 addetti. La “P” sta per programmazione: grazie a dashboard, «intuitive e personalizzabili in ogni loro aspetto, è possibile programmare manutenzione, produzione e consumi in ogni aspetto, con risparmi notevoli e miglioramento della produttività». E, infine, “AI”, l’intelligenza artificiale che rappresenta il cuore della piattaforma.
I dati vengono indirizzati e stoccati in cloud, per poi essere aggregati e studiati da algoritmi dedicati di machine learning e resi disponibili all’interno di un portale di business intelligence, accessibile come un normale portale web, composto da widget e dashboard. Keypai gestisce un singolo segnale oppure impianti molto complessi; l’integrazione può essere graduale e non richiede ingenti investimenti per lo sviluppo di software o l'installazione di dispositivi dedicati. Quanto al tema della sicurezza è tutta in mano all’utente proprietario, l’unico in grado di condividere i dati con altri; inoltre, ogni utente registrato visualizza solo le dashboard rilevanti per il proprio lavoro. «Si tratta di una soluzione flessibile, agile, intuitiva e in grado di garantire un’assoluta autonomia a chi l’utilizza – sottolinea Gianluca Bufarini -. Al tempo stesso, è uno strumento di grande potenza e soprattutto alla portata delle piccole aziende e applicabile a qualsiasi settore». Non a caso, la prima applicazione è appena partita in Germania, dove un’azienda del settore zootecnico, che realizza impianti di illuminazione per allevamenti, si è affidata a Keipay per garantire condizioni di vita ottimali agli animali.
Se l’assoluta autonomia dell’utente nella gestione del sistema è il punto di forza della piattaforma, all’interno di MGA Automation stanno lavorando, insieme agli ingegneri di alcune delle migliori università italiane per lo sviluppo e il perfezionamento di vari algoritmi di machine learning da applicare a diversi processi produttivi.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti