ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùGuerre e armamenti

Da Lockheed a Raytheon, balzo a Wall Street dei produttori Usa di armi

“È indubbio” che sia le scorte che la base industriale siano finite sotto pressione, ha ammesso il sottosegretario del Pentagono Colin Kahl

di Marco Valsania

Ucraina, le armi occidentali sul campo di battaglia

3' di lettura

Poche ore in Ucraina contano come un mese e più in Afghanistan. Il raffronto, che circola tra esperti, riguarda un aspetto specifico della guerra che infuria in Europa mentre le strade della diplomazia restano gelate: lo straordinario uso e consumo di armi e soprattutto munizioni, di vario genere e calibro.

Fotografia di un conflitto che sta mettendo sotto pressione non solo la Nato ma la stessa “macchina” militare della superpotenza americana, il Pentagono e l’industria della difesa. Proiettati su tecnologie del futuro, sono ora coinvolti nel sostegno a protratte battaglie tradizionali, offensive e controffensive di terra con intenso ricorso ad artiglieria e armi leggere, veicoli corazzati e sistemi anti-carro e antiaerei. Capaci di svuotare arsenali esistenti senza che sia semplice ricostituirli, al cospetto di produzioni dismesse o tagliate, munizioni ridotte da strategie on-demand, difficoltà di reperire personale e componenti per un ristoccaggio dei depositi.

Loading...

Le armi all’Ucraina

Gli Stati maggiori americani assicurano che l’invio di armi all’Ucraina avviene strettamente senza degradare le capacità delle proprie forze, facendo ricorso a scorte in eccesso. Ma gli interrogativi si moltiplicano tra stanziamenti ormai stimati in 20 miliardi e avviati a superare i 40 solo per Washington. Un rapido inventario: gli Usa ad oggi hanno spedito, tra l’altro, 924.000 ordigni di artiglieria per howitzer da 155 mm, più di 8.500 missili anti-carro Javelin e 1.600 ordigni anti-aerei portatili Stinger (un quarto delle riserve), centinaia di veicoli e droni, 38 sistemi lanciarazzi mobili Himars. Con le forze armate Usa che hanno spesso tuttora in dotazione gli stessi armamenti, per preparativi e esercitazioni.

Roma, corteo contro guerra e carovita: “Giù le armi, su i salari”

Scorte sotto pressione

“È indubbio” che sia le scorte che la base industriale siano finite sotto pressione, ha ammesso il sottosegretario del Pentagono Colin Kahl. «Assistiamo al primo esempio da decenni di un conflitto convenzionale a davvero alta intensità». Un conflitto che ha evidenziato, nel giudizio di analisti quali Ryan Bronbst della Foundation for the Defense of Democracies, come in particolare la produzione di munizioni negli Usa e tra gli alleati sia probabilmente inadeguata a grandi guerre di terra. Con rischiose conseguenze: come verrebbe affrontato l’eventuale scoppio di un secondo conflitto? «Cosa accadrebbe nel Comando dell’Indo-Pacifico?», si è chiesto pubblicamente Bill LaPlante, responsabile del Pentagono per gli acquisti di armi.

Gli esempi concreti di pressione sugli arsenali non mancano. Nel Donbass in estate gli ucraini hanno sparato circa settemila proiettili di artiglieria al giorno; gli Stati Uniti finora ne producono 15.000 al mese. Particolarmente preoccupante appare il calo in tradizionali proiettili di artiglieria da 155 mm, ma anche in razzi guidati, lanciarazzi, missili Javelin e Stinger. Dal Pentagono sono anche arrivate raccomandazioni a Kiev di non usare sistemi ultra-costosi e sofisticati per abbattere droni di Mosca a basso costo.

INFODATA / Chi vende più armi nel mondo

Gli ordini del pentagono

Il Pentagono è corso ai ripari con nuovi ordini. Non è chiaro quale impatto il conflitto avrà su aumenti ulteriori del budget militare, già di 742 miliardi nel 2022, su nuove commissioni di lungo periodo e ripensamenti della composizione degli arsenali. I titoli di alcuni protagonisti aziendali della difesa quest’anno hanno però guadagnato in Borsa: Lockheed il 36%, Northrop Grumman il 37%, Raytheon del 14 per cento.

Tra maggio e ottobre di sicuro il Pentagono ha mobilitato 2,6 miliardi per ricostituire le scorte, parte di 14 miliardi appositamente approvati dal Congresso. Ma non sarà facile, spesso potrebbero servire anni per gli obiettivi prefissati. Sono stati stanziate 663 milioni per nuovi Javelin di Raytheon e Lockheed e fin da maggio commissionati a Raytheon 1.300 missili anti-aerei portatili Stinger per altri 624 milioni. L’azienda ha tuttavia avvertito di non poter aumentare la produzione fino all’anno prossimo, a causa di carenze di componenti e perché la “linea” degli Stinger era di fatto chiusa dal 2008. A volte mancano gli addetti qualificati da assumere per rafforzare rapidamente la produzione. I sistemi Himars di Lockheed risentono a loro volta di stop tra il 2014 e il 2018 e l’impegno è adesso di sfornarne nuovamente fino a otto al mese. La caccia alle armi genera anche proposte di forniture a Kiev considerate men che ortodosse: Boeing ha suggerito l’invio a Kiev di un sistema a basso costo, battezzato Glsdb, per far leva su componenti oggi ampiamente disponibili, bombe di precisione di piccole dimensioni montate su razzi M26.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti